23 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Aprile 2021 alle 07:08:31

Cronaca News

Motonavi e rifiuti, Taranto guarda ad Amsterdam

Missione in Olanda per Amat e Amiu


Le aziende di Kyma Ambiente/Amiu spa & Kyma Mobilità/Amat spa di Ta­ranto ad Amsterdam per appren­dere gli sviluppi nel campo della navigazione sostenibile e della rimozione della plastica dall’ac­qua.

Motonavi e rifiuti, Taranto guarda ad Amsterdam
Motonavi e rifiuti, Taranto guarda ad Amsterdam

Nella giornata di mercoledì 29 gennaio la società Kyma Am­biente/Amiu spa, sotto la guida di Decisio (società di ricerca e consulenza economica con base ad Amsterdam) ha potuto cono­scere e sperimentare sul campo l’approccio innovativo olandese al tema del trattamento e della rimozione dei rifiuti dalle acque. Grazie allo studio di ingegne­ria ambientale Tauw, impiegan­do dispositivi di realtà virtuale, Kyma Ambiente/Aimu spa ha conosciuto progetti come “The Shoreliner”, progetto sviluppato nel porto di Rotterdam da 3 anni che consiste in un tubo galleg­giante in grado di bloccare e gui­dare i rifiuti in un apposito siste­ma di raccolta in acqua o in loco il “The Great Bubble Barrier” ad Amsterdam West, una soluzione altamente innovativa, in cui le bolle d’aria vengono utilizzate per creare una barriera naturale nei fiumi così che la plastica non fluisca in mare.

Giovedì 30 gennaio Kyma Mo­bilità/Amat spa, la società dei trasporti di Taranto, è stata in­vece accompagnata da Decisio e dalla società di consulenza sulla mobilità sostenibile EVConsult in una visita tesa allo scambio di conoscenze sul come rendere più sostenibili i traghetti di Ta­ranto. EVConsult ha condiviso la propria esperienza del processo di elettrificazione dei trasporti su acqua nella città di Amster­dam. Decisio ha invece illustrato come una città possa prosperare economicamente e socialmen­te stimolando l’economia della bicicletta e la camminabilità. In giornata la delegazione ha visi­tato l’E-Harbour, il primo porto elettrico commerciale di Amster­dam, apprezzando il programma di navigazione della città di Am­sterdam e il piano per rendere i canali della città più sostenibili. Alla fine della giornata, gli ar­chitetti navali di C-Job hanno dato un’introduzione al concept design delle navi elettriche.

Il 31 gennaio per informare la società di trasporti sulle pos­sibilità tecniche dei traghetti elettrici, la delegazione è stata accompagnata dai loro omologhi olandesi della Gvb (Tpl di Am­sterdam) e portata in traghetto alla sede centrale di Amsterdam Veren. Qui Kyma Mobilità/Amat spa, ha avuto modo di conosce­re quali sono le possibilità di convertire un traghetto in uno a motore con propulsione ibrida, il processo e i costi correlati, con un bellissimo viaggio finale in traghetto attraverso l’IJ con l’ul­timo modello di traghetto ibrido della Gvb.

La visita è stata resa possibile grazie all’ufficio d’Economia della Ambasciata del Regno dei Paesi Bassi in Italia, con sede a Roma, e del Comune di Taranto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche