News Spettacolo

Alessandro Preziosi è Van Gogh al Teatro Fusco

Alessandro Preziosi è Van Gogh al Teatro Fusco
Alessandro Preziosi è Van Gogh al Teatro Fusco

Doppio appun­tamento con Alessandro Preziosi e il suo “Vincent Van Gogh – L’odore assordante del bianco” al Teatro comu­nale Fusco, in via Giovinazzi.

L’attore torna a Taranto con un nuovo lavoro teatrale mercoledì 12 e giovedì 13 febbraio, ospite del cartello­ne della stagione del Comu­ne e Teatro Pubblico Puglie­se.

Il testo è vincitore del Pre­mio Tondelli a Riccione Te­atro 2005 per la “…scrittura limpida, tesa, di rara imme­diatezza drammatica, capa­ce di restituire il tormento dei personaggi con feroce immediatezza espressiva”, così come si legge nelle mo­tivazioni della giuria.

Lo spettacolo è ambienta­to nel 1889, anno in cui l’u­nico desiderio del pittore fiammingo è quello di uscire dalle austere mura del ma­nicomio di Saint Paul. La sua prima speranza è ripo­sta nell’inaspettata visita del fratello Theo che ha dovuto prendere quattro treni e per­sino un carretto per andarlo a trovare.

Come può vivere un grande pittore in un luogo dove non c’è altro colore che il bian­co?

Attraverso l’imprevedibi­le metafora del tempora­neo isolamento di Vincent Van Gogh in manicomio, lo spettacolo di Khora.teatro in coproduzione con il Tea­tro Stabile d’Abruzzo è una sorta di thriller psicologico attorno al tema della creati­vità artistica.Il ritmo serrato attraverso il quale si dinapa la vicenda, lascia lo spetta­tore con il fiato sospeso per tutta la durata dello spetta­colo. Insieme a Preziosi sul palco salgono gli attori Vin­cenzo Zampa, Francesco Biscione, Roberto Manzi, Alessio Genchi, Massimo Nicolini. I costumi e le scene sono di Marta Crisolini Ma­latesta, mentre le musiche portano la firma di Giaco­mo Vezzani; luci e disegno: Andrea Burgaretta e Valerio Tiberi.

La regia è di Alessandro Maggi, con la supervisione artistica dello stesso Prezio­si. Sipario ore 21; ore 18 per la replica del 13 febbraio. Info ai numeri 099.4725780 e 366.3473430

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche