News Provincia

Faggiano, «118, prioritario stabilizzare precari»

L’incontro nella sala consiliare con l’assessore regionale Mino Borraccino

Una ambulanza del 118
Una ambulanza del 118

FAGGIANO- “L’internalizza­zione dei precari della Sanità resta un obiettivo prioritario”. Così l’assessore regionale allo Sviluppo Economico Mino Borraccino durante l’incontro con gli operatori del 118. “Ho incontrato nella sala consilia­re del Comune di Faggiano, i soccorritori, i volontari e i di­pendenti del servizio 118, per discutere del provvedimento di internalizzazione di questi servizi- dice l’assessore- dopo l’approvazione della Delibera con cui la Giunta Regionale ha emanato le linee guida in ma­teria di organizzazione e gestio­ne delle Società in house delle Aziende ed Enti del Servizio Sanitario Regionale, procede in tutta la Puglia il percorso fina­lizzato all’internalizzazione del personale del 118 e degli altri servizi in ambito sanitario. Si tratta di lavoratori dipenden­ti esterni che da anni prestano servizio presso le strutture sa­nitarie pubbliche della nostra regione (impiegati CUP, infor­matici, addetti alla logistica e alla distribuzione del farmaco e operatori del 118), per i quali ci sono le condizioni per la inter­nazionalizzazione, con contratti assimilabili, per la copertura di tutto il fabbisogno.

Con l’avvio di questo procedi­mento fortemente voluto dal presidente Emiliano, in contro­tendenza rispetto alle altre Re­gioni, si è aperta una fase stori­ca per la Puglia- prosegue Mino Borraccino- ho assicurato, per­tanto, ai presenti che l’obiettivo del Governo regionale è quello di arrivare alla stabilizzazione di tutta questa platea di lavora­tori precari.

In questo modo sarà chiusa finalmente la lunga fase dei cosiddetti “volontari” che ge­stiscono un servizio così im­portante e delicato per la nostra vita e la nostra salute, come quello del 118, e saranno assicu­rate nel contempo stabilità e si­curezza economica a una platea composta da alcune centinaia di lavoratori che convivono da anni con la precarietà e che po­tranno così guardare con fiducia e serenità al futuro.

Al momento la Asl di Taranto sta svolgendo un ruolo di primo piano e ciò rappresenta un fatto importante.

Il mio impegno personale, e quello di tutta la Giunta Regio­nale- conclude l’assessore allo Sviluppo economico- continua per consegnare al Servizio Sa­nitario pubblico uno strumento adeguato, che andrà incontro alle esigenze dei lavoratori e nel contempo migliorerà la qualità del Servizio stesso.

Andiamo avanti, per far uscire dalla precarietà centinaia di la­voratori e donare serenità alle loro famiglie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche