Cronaca News

Intimidazione al Direttore sportivo del Taranto, indagini serrate

La Digos sulle tracce degli autori. Si punta anche sui filmati

Vincenzo De Santis
Vincenzo De Santis

La Digos è sulle tracce degli autori delle minac­ce al direttore sportivo del Ta­ranto, Vincenzo De Santis. Gli investigatori si muovono con il consueto riserbo, ma una svolta è possibile. Lo stesso ds, in con­ferenza stampa lunedì, ha detto di avere «grande fiducia» nel la­voro degli investigatori di esse­re «certo che chi ha fatto questo verrà assicurato alla giustizia».

Una busta con la scritta “DS sporco barese” ed una testa di agnello è stata lasciata nei pres­si di un noto locale cittadino. A dare impulso alle indagini, anche i filmati delle telecame­re di videosorveglianza della zona. Da parte sua De Santis ha assicurato di «non avere al­cuna intenzione di mollare» e dopo la conferenza, ospite di 100 Sport Magazine, si è sof­fermato anche sull’immediato futuro del Taranto, che di cer­to vive un momento poco feli­ce. «Cambiare guida tecnica in questa fase della stagione non avrebbe senso» le sue parole nel salotto sportivo di Studio 100. «Gigi Panarelli sarà l’allenatore del Taranto fino al termine della stagione, e mi auguro che da qui alla fine inanelli undici vittorie consecutive in modo da guada­gnarsi la riconferma sul campo. A bocce ferme capiremo le in­tenzioni della società e si agirà di conseguenza». «Ci sono un paio di imprenditori disposti ad aiutare Massimo Giove, esisto­no delle trattative, ma prima di portare avanti ogni discorso vo­glio capire quali sono le inten­zioni della società per il futuro. Se non mettiamo in chiaro que­sto aspetto, non si può parlare di progettualità o futuro» ha poi aggiunto il dirigente riferendo­si ad un possibile allargamento della base societaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche