Cronaca News

Attentato dinamitardo contro una sala scommesse a Taranto

Paura e danni in via Marche. Indagini avviate dai carabinieri

L’attentato contro la sala scommesse di via Marche - foto Francesco Manfuso
L’attentato contro la sala scommesse di via Marche - foto Francesco Manfuso

Bomba contro una sala scommesse.

Un ordigno rudimentale è stato piazzato e fatto esplodere, nella notte tra martedì e mercoledì, davanti ad una agenzia scom­messe situata in via Marche, nei pressi del Tribunale.

L’esplosione, che è avvenuta dopo l’una e trenta, ha danneg­giato la parte inferiore della sa­racinesca e la vetrata e lesionato parte del muro.

Per fortuna non si sono re­gistrati feriti. Appena è sta­to dato l’allarme dai residenti della zona che avevano udito il botto sul posto sono interve­nuti i carabinieri del Comando provinciale Gli investigatori dell’Arma hanno avviato le in­dagini per risalire agli autori del pesante atto intimidatorio e per stabilire il movente. Al va­glio dei militari le riprese degli impianti di videosorveglianza della zona. Tra la fine dicembre e l’inizio di gennaio un allarme attentati in città: due nel giro di una settimana. Una bomba di medio potenziale era stata collocata e fatta defla­grare la notte tra il 23 e il 24 dicembre, poco dopo la mezza­notte, davanti a un bar tra via Umbria e via De Carolis.

L’esplosione aveva infranto le vetrate e provocato danni alla saracinesca, alla struttura mu­raria, al telaio di un gazebo e ad alcune attrezzature.

Danneggiate anche due macchi­ne parcheggiate a poca distan­za. Sul posto erano intervenuti i vigili del fuoco e gli agenti della Squadra Volante e della Squadra Mobile. Tanta paura tra gli inquilini del palazzo e di quelli adiacenti, molti dei quali erano scesi in strada dopo l’at­tentato dinamitardo.

Nella sera di San Silvestro una bomba di medio potenziale era stata fatta esplodere davanti a una tabaccheria situata all’an­golo tra via Dante e via Nettu­no. L a deflagrazione aveva d i­strutto parte della saracinesca, infranto la vetrata d’ingresso e causato danni ad alcuni arredi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche