Cultura News

Le guerre del ‘900 nella Murgia pugliese: se ne parla al MarTa

La Murgia
La Murgia

Nell’ambito dei “Mercoledì del MarTa” il 19 febbraio, alle 18, presso la Sala Incontri del Museo Archeolo­gico Nazionale di Taranto (in via Cavour, 10) si terrà la con­ferenza dal titolo “Archeologia di un paesaggio contempora­neo. Le guerre del Novecento nella Murgia pugliese”, a cura di Giuliano De Felice (Arche­ologia Digitale – Laboratorio di Metodologie e Tecniche dell’Archeologia – Dipartimento di Studi Umanistici – Università degli Studi di Foggia).

Negli ultimi anni il paesaggio pugliese sta conoscendo una inedita notorietà, proponendo­si come un modello equilibrato, in cui uomo e natura convivono in armonia. A ben guardare in questo paesaggio che si vor­rebbe il più possibile incon­taminato persistono, quasi impercettibili per l’occhio di­stratto, numerosi elementi resi­duali che a prima vista è facile trascurare o, peggio, considerare come elementi di distur­bo e che, invece, se studiati e analizzati, si rivelano testimoni di una storia lunga e articolata. È il caso del paesaggio della Murgia, apparentemente im­mobile nella magnifica desola­zione dei suoi panorami e nella rarefazione degli insediamenti umani, ma che analizzato con gli strumenti e le metodologie dell’archeologia, ci restituisce tracce materiali delle guerre del secolo breve: resti di cam­pi di prigionia delle due guerre mondiali, di campi di addestra­mento e di centri per l’acco­glienza di profughi, ma anche di basi missilistiche allestite e rapidamente smantellate nel corso di quella terza guerra mondiale, fredda. Dal 2018 tut­ti questi luoghi sono oggetto di un percorso di archeologia del passato contemporaneo, finalizzato alla ricostruzione dei luoghi e degli uomini che in questo paesaggio hanno vis­suto. L’ingresso è gratuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche