13 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Maggio 2021 alle 18:30:05

Cronaca News

Ruba in un negozio di Taranto e aggredisce il titolare

Un 46enne arrestato dai “falchi” della Squadra Mobile

La sede della Questura
La sede della Questura

Ruba in un negozio ed aggredisce il commericante che lo aveva scoperto: fermato dalla Polizia di Stato. Gli agenti in borghese della Sezione “Falchi” della Squadra Mobile, hanno arrestato in flagranza di reato, per rapina impropria, il quarantaseienne tarantino Graziano Losurdo.

I poliziotti sono intervenuti in un negozio di via Falanto dove era stato segnalato un furto ancora in corso. All’interno del locale,gli agenti hanno subito notato un uomo che stava aggredendo un cittadino cinese, poi accertato essere il titolare dell’esercizio commerciale. I “falchi” dopo aver separato i due hanno identificato l’aggressore il quale nonostante la presenza dei poliziotti ha continuato nei suoi atteggiamenti violenti opponendo ferma resistenza al controllo. Dalle testimonianze poi raccolte i poliziotti hanno accertato che il quarantaseienne aveva pagato un articolo di telefonia, nascondendo però altri articoli per un valore di circa 100 euro. Comportamento che non era sfuggito al negoziante il quale lo aveva poi raggiunto all’esterno del negozio, invitandolo in maniera decisa a riconsegnare la refurtiva.

Sorpreso dalla reazione del commerciante che mentre continuava a trattenerlo era riuscito ad allertare telefonicamente la Polizia di Stato, il quarantaseienne ha reagito violentemente per guadagnare la fuga, resa poi vana dal tempestivo arrivo dei “falchi” della Squadra Mobile. Accertati i fatti, l’uomo, dopo aver restituito tutta la refurtiva che aveva nascosto nelle tasche dei pantaloni, è stato accompagnato negli uffici della Questura e dopo le formalità di rito dichiarato in arresto. Gli agenti della Squadra Mobile hanno anche eseguito un’ordinanza di sospensione della misura alternativa dell’affidamento in prova, nei confronti del tarantino M.N. quarantaquattrenne già noto alle forze dell’ordine. L’uomo, come accertato nelle indagini, lo scorso mese di gennaio ha avvicinato e preso a schiaffi un commerciante di bibite per farlo desistere ad aprire di lì a poco una negozio situato in via Liguria , dove nei paraggi era già presente una rivendita degli stessi prodotti commerciali, di proprietà di un suo amico. Pertanto considerata la condotta violenta diventata incompatibile con la sua misura alternativa e di recupero sociale, il quarantaquattrenne è stato condotto nella casa circondariale di largo Magli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche