News Provincia

Spiagge libere con accesso ai disabili

Finanziamenti per 67 Comuni. Ci sono Castellaneta, Pulsano e Torricella

Spiagge libere con accesso ai disabili
Spiagge libere con accesso ai disabili

BARI – Altri 300mila euro per as­sicurare alle persone disabili spiag­ge libere.

Da lunedì 2 marzo a venerdì 3 apri­le prossimi torna, per i 67 Comuni costieri pugliesi, la possibilità di attrezzare le proprie spiagge libere per l’accesso ai disabili e di svilup­pare progetti per le torri costiere. “I risultati conseguiti nelle due stagioni balneari che abbiamo alle spalle hanno suscitato lo spirito di emulazione tra i sindaci, proprio quello a cui puntavamo”, commen­ta Raffaele Piemontese, assessore al Bilancio e alla Programmazione unitaria, con delega al Demanio marittimo, annunciando lo stanzia­mento di nuove risorse legate all’at­tuale programmazione.

Per allargare l’accessibilità dei di­sabili alle spiagge libere affidate alla gestione comunale, la Regio­ne Puglia ha deciso di investire altri 300 mila euro a cui i Comu­ni potranno attingere a sportello, presentando richiesta di contributo corredata da un progetto redatto in aderenza alle Linee guida approva­te dalla Delibera di Giunta Regio­nale numero 2160 del 29 novembre 2018. Sarà sempre pari a 20 mila euro il contributo massimo che può essere riconosciuto per il Comune, singolo o in associazione con altri Comuni costieri.

Sono le stesse condizioni di cui hanno già approfittato Comuni che, in vista della prossima sta­gione balneare, si vedranno finan­ziate dalla Regione Puglia opere per poco meno di 380 mila euro. In provincia di Taranto ci sono Castellaneta, Pulsano e Torricel­la. Nel 2018, a valere dalla scorsa estate 2019, avevano goduto dei finanziamenti regionali 17 Co­muni; uno, Peschici, ammesso ai finanziamenti, alla fine ha rinun­ciato.Anche per progetti di tutela e valorizzazione delle torri costiere sono state incrementate fino a 150 mila euro le risorse a disposizione per progetti comunali che potranno contare su un finanziamento massi­mo di 25 mila euro. Le linee guida di riferimento sono state approvate con la DGR n. 2193 sempre del 29 novembre 2018. L’anno scorso gli interventi finanziati su questi origi­nali elementi del paesaggio costie­ro pugliese sono stati 10 e hanno riguardato torri costiere a Molfetta in provincia di Bari, a Margherita di Savoia nella BAT, a Brindisi e a Ostuni in provincia di Brindisi, a San Nicandro Garganico, a Vico del Gargano e a Zapponeta in pro­vincia di Foggia, a Nardò, a Racale e a Salve in provincia di Lecce.

Le due procedure a sportello, ossia con risorse assegnate ai progetti valutati positivamente sulla base dell’ordine cronologico di presen­tazione e fino a esaurimento dei fondi disponibili, hanno come ter­mine ale ore 12 di venerdì 3 aprile prossimo. L’indirizzo email a cui trasmettere istanze e progetti è: demaniomarittimo.bari@regione.puglia.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche