07 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 06 Maggio 2021 alle 15:58:04

Cronaca News

Mario Tozzi a Taranto con il Viaggio di Adria

Giovedì 5 marzo, all’Università, la lezione del divulgatore scientifico

Mario Tozzi
Mario Tozzi

Si intitola «il viaggio di Adria» la lectio che Mario Tozzi, primo ricercatore Cnr e divulgatore scientifico, terrà a Taranto il prossimo 5 marzo alle 19.30 nell’Aula Ma­gna dell’Università degli studi (ex caserma Rossarol).

Un viaggio che «salpa» dal­le origini comuni delle terre del mediterraneo orientale per «approdare» alla crescita del turismo sostenibile nell’Adria­tico meridionale e nello Ionio. Un evento, inserito nel progetto «Polysemi» finanziato da «In­terreg Greece-Italy», fortemen­te voluto dal Comune di Taran­to: «siamo particolarmente lieti di ospitare nell’ambito degli eventi culturali del progetto Polysemi una Lectio di Mario Tozzi – ha commentato il sinda­co di Taranto Rinaldo Melucci – non solo per la sua abilità e fama come divulgatore scienti­fico, ma anche per la sua nota sensibilità verso il tema dello sviluppo sostenibile del territo­rio, che è cardine della azione di questa amministrazione». Per Fabiano Marti, assessore comunale alla cultura, «con la lectio di Mario Tozzi il progetto Polysemi tocca, molto probabil­mente, la vetta più alta: un pro­getto complesso – ha spiegato Marti – che ha avuto il merito di mettere insieme istituzioni e operatori culturali. Ed è proprio questo il grande successo del progetto».

L’intervento di Tozzi, inoltre, darà il via ad un lungo weekend di aperture straordinarie delle aree archeologiche di Taranto Sotterranea: alcuni stralci della lectio, infatti, saranno registrate e riproposte in alcune aree ar­cheologiche del circuito. Dal 6 marzo all’8 marzo, infatti, dal­le 9 alle 13 e dalle 16 alle 20 saranno aperti al pubblico i siti «Tomba degli Atleti» in via Cri­spi, la «Necropoli» di via Mar­che, le «Tombe a camera» di via Umbria, via Sardegna e via Pio XII, la «Tomba a semicamera di via Alto Adige, la «Tomba a quattro camere» di Pasubio, i «Resti di portico e strutture murarie» in viale Virgilio e la «Cripta del Redentore» in via Terni. Per l’intero week end, Taranto sotterranea offrirà visi­te guidate e gratuite per studenti e cittadini.

«Il viaggio di Adria» e i «Per­corsi guidati e gratuiti di ar­cheologia urbana» rientrano nella rassegna culturale «Rotte letterarie» ideata e costruita dal Comune con le associazioni del territorio che sta raccogliendo grandi consensi.

Nell’ultimo evento del 29 feb­braio, infatti, sono stati oltre 300 i visitatori e gli spettatori provenienti anche dalle provin­ce di Bari e di Brindisi.

«Siamo estremamente soddi­sfatti – ha commentato France­sca Razzato di Ethra Beni cul­turali, una delle cooperative che compongono l’Ati Taranto Sot­terranea – per il grande risultato dell’evento cifre che premiano lo sforzo di tutti gli attori in campo nel progetto».

1 Commento
  1. Fra 1 anno ago
    Reply

    Intanto passando da piazza Marconi ti accorgi ,che la Taranto emersa risulta piena di cloache di cani e di alberi e pavimenti trasandati,per non parlare del muro di cinta dell’ospedale uno schifo assoluto ,molti anni fa la piazza suddetta era preda di visitatori per il mercatino delle pulci ,adesso c’è il nulla cosmico associato allo scempio che caratterizza la nostra città e le tante piazze tarantine ,forse dovremmo ritornare sottoterra . C’è il deserto in città sembra che il virus si sia propagato nelle nostre menti. Mi chiedo se il sindaco abitasse a Taranto insieme ai suoi assessori cosa penserebbero e come realmente si indignerebbero dell’attuale schifo ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche