13 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 12 Maggio 2021 alle 17:00:38

Cronaca News

Teledidattica, scuole al lavoro

Anche a Taranto e provincia si punta sulle piattaforme online

Nadia Bonucci
Nadia Bonucci

Scuole chiuse e teledidattica anche a Taranto e provincia: prove tecniche di “normalità” (o quasi).

«Prima di tutto dobbiamo dire che le scuole non sono chiuse» spiega a TarantoBuonasera Na­dia Bonucci, dirigente scolasti­co dell’istituto tecnico econo­mico statale Pitagora. «Quella che è prevista sino al 15 marzo è la sola sospensione dell’atti­vità didattica, non la chiusura delle scuole: ed è molto diver­so» chiarisce la professoressa Bonucci.

«C’è stata confusione sotto questo aspetto, probabilmente anche a causa dell’emergenza. Con la sospensione dell’attività didattica – che è quello che stia­mo vivendo – non ci sono lezio­ni; ma presidi, staff, collabora­tori e l’animatore digitale sono operativi.

Salvatore Marzo
Salvatore Marzo

Nel primo pomeriggio di giove­dì abbiamo tenuto un collegio straordinario dei docenti, in una modalità che ci ha permesso di rispettare le disposizioni del decreto emanato mercoledì sera dal governo: con collegamenti online, ed in spazi diversi, evi­tando “l’assembramento”».

«Siamo in contatto con gli stu­denti – continua Bonucci – e posso dire che da parte loro c’è tutta l’intenzione di collabora­re alla teledidattica. Abbiamo predisposto delle piattaforme multimediali, con le quali sarà possibile trasmettere le lezioni, e c’è poi la possibilità di effet­tuare tramite email delle verifi­che».

«La chiusura delle scuole ri­guarda solo le cosiddette “zone rosse”. In presenza, come nel nostro caso, della sospensione dell’attività didattica, le scuole rimarranno aperte e i servizi erogati dagli uffici di segreteria continueranno ad essere pre­stati, mentre l’attività da parte dei docenti si svolge su base volontaria» sottolinea al no­stro giornale Salvatore Marzo, dirigente scolastico del Liceo Aristosseno.

«Da questo punto di vista stia­mo avendo riscontri positivi. Nell’intervallo di tempo sino al 16 marzo, si potranno volonta­riamente sperimentare percor­si di didattica a distanza. Un aspetto importante è poi quel­lo relativo alla valutazione di quanto si fa per via telematica: non è previsto che si assegnino voti. Il ministero ha comunque attivato dei siti web dedicati». Sono online infatti https://www. istruzione.it/coronavirus/index. html e la sezione sulla didattica a distanza https://www.istruzio­ne.it/coronavirus/didattica-a-distanza.html. Tra le scuole che stanno intraprendendo iniziati­ve anche il Liceo Battaglini.

L’assessore al Diritto allo Studio del Comune di Martina Franca, Antonio Scialpi, ha dichiarato che “in questa circostanza ne­gativa di sospensione delle At­tività didattiche e culturali mi fa piacere che nella Comunità scolastica di Martina ci sono scuole pronte per la didattica a distanza.

Un complimento particolare ai dirigenti scolastici e ai docen­ti pronti per non lasciare nella solitudine ragazzi e famiglie. Uno sforzo e una disponibili­tà che vanno evidenziate e che hanno onore al mondo della no­stra scuola il cui valore è a tutti noti”.

Ieri mattina al Ministero dell’I­struzione si è tenuto un incontro tecnico con le Organizzazioni Sindacali della scuola.

La riunione è stata scandita da due momenti di confronto. Du­rante il primo, legato all’emer­genza coronavirus, le Organiz­zazioni Sindacali e la task force già attiva presso il Ministero hanno concordato metodologie e strumenti di scambio di infor­mazioni e segnalazioni di criti­cità sul territorio.

L’Amministrazione ha poi an­nunciato la calendarizzazione settimanale di incontri tecnici con le Organizzazioni Sinda­cali sulle tematiche legate agli adempimenti necessari per l’av­vio del prossimo anno scolasti­co e il reclutamento degli inse­gnanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche