24 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Gennaio 2021 alle 14:34:27

Cronaca News

Trecento chiamate in due giorni ai numeri della Asl di Taranto

Il servizio dedicato ai cittadini che desiderano avere chiarimenti sulle norme comportamentali relative al Coronavirus

Tende pre triage allestite negli spazi esterni dell’ospedale di Martina Franca
Tende pre triage allestite negli spazi esterni dell’ospedale di Martina Franca

Sono circa 300 le chiamate giunte in due giorni ai numeri messi a disposizione dalla Asl Taranto per offrire informazioni di primo livello relative all’emergenza Corona­virus.

Il servizio, dedicato ai cittadi­ni che desiderano avere chia­rimenti ed esplicazioni sulle norme vigenti e sui comporta­menti da seguire, è gestito dalla Struttura di Comunicazione e Informazione Istituzionale/Uf­ficio Relazioni con il Pubblico e si associa alle altre attività dell’ufficio, potenziando, inol­tre, gli strumenti già attivati dalla Regione Puglia.

Si tratta di un servizio con il quale la Asl Taranto intende consentire ai cittadini l’accesso a una corretta informazione e l’adozione di misure e compor­tamenti corretti, in linea con i Decreti del Presidente del Con­siglio dei Ministri, emanati in questi giorni.

Accanto alla preoccupazione e alla paura per l’emergenza in corso, infatti, emergono e si dif­fondono l’incertezza e i dubbi relativi al significato di alcune disposizioni e alle giuste con­dotte da seguire, ma anche un generale senso di partecipazio­ne, responsabilità e senso civi­co.

Varie le domande e le richieste giunte dai cittadini/utenti. La maggior parte richiede infor­mazioni e precisazioni riguar­danti i comportamenti da adot­tare a seguito di rientri dalle Regioni settentrionali e sugli spostamenti, sia in territorio co­munale che extra comunale.

Domande molto frequenti ri­guardano le prenotazioni, già effettuate, di prestazioni ambu­latoriali ospedaliere e territo­riali, esami strumentali diagno­stici e/o operative, day service e diagnostica di laboratorio, non­ché l’operatività degli sportelli Cup.

Non mancano, infine, richieste inerenti l’apertura e l’operati­vità di uffici amministrativi e domande relative alla possibili­tà di poter fare attività motoria all’aperto.

Nonostante il Dpcm del 9 mar­zo abbia esteso le disposizioni e le limitazioni, dapprima rela­tive solo alle zone rosse, a tutto il territorio nazionale, in Puglia vige la norma che tutti coloro che, dal 7 marzo, provengono o sono transitati da quelle che erano zone rosse o arancioni, hanno l’obbligo di segnalarsi al proprio medico di medicina ge­nerale o pediatra di libera scelta o all’operatore di sanità pubbli­ca del servizio di sanità pubbli­ca territorialmente competente, di osservare la permanenza do­miciliare con isolamento fidu­ciario per 14 giorni, di osser­vare il divieto di spostamenti e viaggi, di rimanere raggiungibi­le per ogni eventuale attività di sorveglianza.

In caso di comparsa di sintomi è obbligatorio avvertire imme­diatamente il medico di medi­cina generale o il pediatra di libera scelta o l’operatore di sa­nità pubblica territorialmente e seguire le indicazioni.

Fino al 3 aprile gli spostamenti, su tutto il territorio nazionale, devono essere limitati a com­provate esigenze lavorative, si­tuazioni di necessità, motivi di salute o per rientrare nel pro­prio domicilio.

Restano ferme le buone norme di comportamento di igiene personale e di distanza sociale atte a contenere l’emergenza e il contagio.

Per chiunque abbia bisogno di informazioni o chiarimenti, può chiamare i quattro numeri messi a disposizione dalla Asl Taranto: 099 4585 935 / 982 / 984 / 016. Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 8.30 alle ore 17.30, il sabato dalle 8.30 alle 13.

Si ricorda, inoltre, che è attivo il numero verde regionale 800-713931 (tutti i giorni dalle 8 alle 22) e che, per informazioni generali sul Coronavirus, sulle misure in atto e sui numeri da contattare, è online la sezione del portale istituzionale: regio­ne.puglia.it/coronavirus.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche