08 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 08 Maggio 2021 alle 08:30:10

News Spettacolo

“Feat”, il ritorno di Francesca

Il nuovo album della Michielin. «Questi giorni da vivere con responsabilità»

Francesca Michielin
Francesca Michielin

«Questi giorni li sto vivendo con una grande respon­sabilità, al pari di tutti gli italiani: rimango a casa e sono molto con­centrata sull’oggi perché credo che stiamo facendo una specie di mis­sione, per sostenere le persone più deboli, più fragili, e per darci una mano gli uni con gli altri». È l’ester­nazione di Francesca Michielin alla vigilia della pubblicazione del suo nuovo album “Feat (Stato di natu­ra)”, in uscita oggi, in piena emer­genza coronavirus. «Questo album ha come caratteristica di essere molto energico, pulsante e vivo – ha specificato – Sono convinta che possa fare davvero bene in questo momento delicato e che possa por­tare una ventata di positività anche a chi, in questo periodo, è a casa. La musica non si deve fermare proprio adesso, perché abbiamo bisogno di coltivare bellezza, di fare cose che in qualche modo ci scaldano il cuore, ci mantengono vivi e anche sereni, per quanto il momento sia complesso». “Feat (Stato di natura)” è unico nel suo genere perché com­posto da undici collaborazioni della Michielin con artisti fra i più im­portanti e interessanti del panorama musicale italiano, come Måneskin, Fabri Fibra, Gemitaiz, Shiva, Elisa & Dardust, Coma_Cose, Takagi & Ketra, Fred De Palma, Max Gazzè, Carl Brave, Charlie Charles, Gior­gio Poi.

«Questo lavoro comprende undici tracce per altrettanti featuring – ha sottolineato – Nasce dall’esigenza personale di creare un progetto col­lettivo, una celebrazione di incontri, di diversità e di confronti, perché sono giovane e amo sperimentare».

Questo nuovo progetto discografi­co di Francesca Michielin è stato anticipato dal singolo “Cheyenne” feat. Charlie Charles dello scorso novembre, e dai tre brani “Gange” feat. Shiva, “Riserva naturale” feat. Coma_Cose e “Monolocale” feat. Fabri Fibra. «Il monolocale è il poco spazio per la propria vita quotidiana e per il dialogo – ha confessato – Passare dalla natura incontaminata agli spazi della città è traumatico e influisce anche sulle relazioni. Fabri Fibra è stato il primo che ho scelto di incontrare e mi ha dato la giusta energia per partire con tutto il pro­getto». Il brano che apre l’album è “Stato di natura” feat. Måneskin, il nuovo singolo in radio e su tutte le piattaforme digitali da oggi. «È il manifesto di questo progetto e non a caso apre il disco: è un brano mol­to forte con delle tematiche molto importanti – ha rivelato – Riflette sul peso delle parole, sulla violenza verbale e su quanto le nostre stesse parole sappiano ferire ancora oggi la donna, la figura femminile, la femminilità sempre attaccata dalla società: è uno dei brani di cui sono più orgogliosa». È una Francesca Michielin inedita che, attraverso la curiosità e il confronto con gli al­tri artisti, ha scelto di rivelare il suo stato di natura, che sono l’incontro e la contaminazione. «Arrivo da un disco diverso e personale, mol­to ermetico – ha ammesso – Ave­vo bisogno di mettermi in ascolto, di collaborare, di cercare una rete di creazioni artistiche che mi per­mettesse di realizzare qualcosa di unico e di diverso da quanto fatto prima. Incontrarsi è difficile: risul­ta sempre più semplice scontrarsi, elencare le differenze, usarle per al­lontanarsi». Per presentare l’album sono stati realizzati a Milano tre set ‘live’ unici durante i quali France­sca Michielin ha cantato in antepri­ma “Gange” feat. Shiva, “Riserva naturale” feat. Coma_Cose e “Mo­nolocale” feat. Fabri Fibra; il primo è stato il Vintage Electro Set al Ro­cket; il secondo l’Urban Orchestral Set alle Officine Meccaniche (tra­smesso sulla sua pagina Facebook) e il terzo il Milano Multietnica Set alla Triennale (sulla piattaforma digitale RaiPlay). «Queste tre anteprime mi hanno visto alle prese con dei set completa­mente diversi – ha sostenuto – Per il secondo e il terzo set ci siamo adattati alle nuove norme e li abbiamo preparati a porte chiuse, ma sono convin­ta di essere riuscita a portare la mia musica nelle case e ai miei fans».

Lo speciale “Francesca Mi­chielin – Il mio stato di natu­ra” di 30 minuti, in esclusiva su RaiPlay da oggi alle ore 21.00, contiene i momenti più emozionanti delle tre serate

A chiudere il progetto è “Leo­ni” feat. Giorgio Poi.

«È un inno all’estate, alla li­bertà, all’unione che nasce nel nome della spensieratezza di una relazione o di un’amici­zia – ha concluso – Il brano è quasi cinematografico e riesce a restituire la sensazione della brezza estiva, dell’inconsape­volezza della gioventù, della voglia di partire, ricominciare di nuovo».

Il brano fa parte della colonna sonora della nuova serie origi­nale italiana Netflix Summer­time, dal 29 aprile.

Francesca Michielin si sta concentrando per il grande evento ‘live’ del prossimo 20 settembre al Carroponte di Milano, in attesa di notizie positive legate all’evoluzione del coronavirus.

Franco Gigante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche