10 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 10 Maggio 2021 alle 15:20:57

Cronaca News

Coronavirus, sette proposte per evitare di essere sommersi dai debiti

L’iniziativa di Prodeitalia e Centro Tutele Famiglie e Imprese

Il coronavirus mette in crisi anche le imprese
Il coronavirus mette in crisi anche le imprese

«Bene l’impegno degli italiani alla prova con le pri­me pesanti restrizioni. Ora per il Governo crei la rete di protezione necessaria per evitare il collas­so». Le Associazioni Prodeitalia e Centro Tutele Famiglie e Imprese lanciano le sette proposte necessa­rie per non sovraindebitarsi con la battaglia al Coronavirus.

In queste ore di responsabilità civile ma anche di grandi diffi­coltà per gli italiani le Associa­zione Prodeitalia e Centro Tutele Famiglie e Imprese (impegnate nella lotta al Sovraindebitamento e nelle Crisi d’Impresa) avanzano una serie di richieste urgenti e ne­cessarie. Chiediamo nello speci­fico: la sospensione dei canoni di locazione commerciale e la relati­va tassazione; la sospensione del pagamento di tutte le bollette per luce, acqua e gas sia per i privati che per le imprese per sei mesi; la moratoria totale (non solo del ca­pitale o degli interessi) di 12 mesi di tutti i mutui sia privati che alle imprese; la sospensione delle aste per 6 mesi; il sussidio economi­co con assegno di 500 euro per i lavoratori autonomi da destinare alle spese fisse come l’affitto del­lo studio; la sospensione (e non solo rinvio) del pagamento di iva e contributi anche delle casse priva­te per 6 mesi; il fondo di sostegno per i sovraindebitati e per i pensio­nati con pensioni minime.

«Gli italiani sono chiamati tutti ad un atto di grande responsabilità civile e in parte stanno già dimo­strando di impegnarsi in questo senso. Ci sono per le famiglie, pensionati e alcune categorie di lavoratori che hanno bisogno di essere protette da quello che altri­menti potrebbe essere un tracollo economico inevitabile. Non tutti hanno una rete di protezione che può garantire un lungo periodo di stop. E’ fondamentale dunque che il Governo prenda in considera­zione le nostre proposte, frutto di segnalazioni e contatti con tan­ti cittadini e cittadine»: è quanto affermano gli Avvocati Monica Mandico Presidente del Centro Tutele Famiglie e Imprese e Fran­cesca Scoppetta e il Presiden­te dell’Associazione Prodeitalia Giorgio Bergo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche