News Provincia

«Al San Marco solo pazienti comuni»

Il centro destra critica la scelta di ospitare pazienti dopo la fase acuta di Coronavirus

Ospedale San Marco a Grottaglie
Ospedale San Marco a Grottaglie

GROTTAGLIE – “E’ il tempo della responsabilità e della lun­gimiranza”. Così il centro destra grottagliese nel pieno dell’emer­genza Covid-19, in una nota a firma di Ciro Marseglia di Ener­gie per l’Italia. di Orazio Anto­nazzo di Fratelli d’Italia, di Gio­vanni Patronella della Lega Sud Ausonia, di Michele Santoro, di Grottaglie Prima di Tutto e di Ciro Gianfreda, di Forza Italia.

“Prendiamo atto della proposta formulata dal Comitato di Di­fesa dell’Ospedale San Marco, in merito ad una gestione cen­tralizzata della crisi Covid 19 mediante la conversione di due padiglioni della Fiera del Le­vante in due grandi reparti di rianimazione e terapia intensiva. Non entriamo nel merito tecni­co, ma condividiamo le preoccu­pazioni del Comitato Ospedale San Marco in merito al rischio di contagio che l’attuale piano ospedaliero regionale comporta per la comunità di Grottaglie, a causa del trasporto dei pazienti Covid 19, che è bene precisare, al momento del loro arrivo a Grottaglie saranno ancora porta­tori dell’infezione- si legge nella nota- acquisita ampia informa­zione in merito alla problema­tica, riteniamo che l’Ospedale San Marco non abbia i requisiti tecnici per ospitare pazienti po­sitivi, in ragione della presenza di pazienti comuni che tecnica­mente non possono essere isolati dalla zona destinata agli infetti.

Si pensi, solo per citare un dato, alla presenza di un solo ascenso­re che dovrà essere utilizzato da entrambe le tipologie di pazienti, con evidente rischio di contagio.

La nostra preoccupazione è ri­volta alla tutela della comunità di Grottaglie ed alla tutela del personale medico e paramedico, che in molti casi è ancora sprov­visto dei dispositivi di protezio­ne personale.

Mettendo da parte ogni polemi­ca, la nostra speranza è che il sindaco Ciro D’Alò sappia fare le giuste pressioni politiche nei confronti degli attori di questa vicenda, affinchè il San Marco faccia la sua parte, nella gestio­ne della emergenza, secondo le potenzialità sue proprie, ossia la accoglienza dei pazienti comuni del SS Annunziata e dell’Ospe­dale Moscati di Taranto, perchè ad onor del vero, dopo la robo­ante missiva al Presidente del Consiglio, dobbiamo registrare un assordante silenzio su queste questioni da parte della attuale Amministrazione, silenzio che non ci tranquillizza per niente e conferma i dubbi di una certa passività nei confronti delle scel­te politiche del presidente Emi­liano, che giusto per citare un caso, non è stato in grado nem­meno di attrezzare per l’emer­genza un ospedale inaugurato lo scorso dicembre proprio per la gestione di queste situazioni, ci riferiamo al Dea di Lecce ( Dipartimento Emergenza ed Ac­cettazione) i cui 40 posti letto già pronti, rimarranno inutiliz­zati a dispetto della emergenza e del buonsenso. Le forze poli­tiche del centrodestra esprimono il loro ringraziamento e il loro sostegno a tutto il personale sa­nitario, ausiliario, i volontari, la Cri che in questi giorni svolge il loro lavoro con dedizione ed ab­negazione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche