Cronaca News

Ospitati in seminario i medici impegnati nella lotta al Covid-19

Il seminario diocesano (foto G. Leva)
Il seminario diocesano (foto G. Leva)

L’arcivescovo mons. Santoro ha accettato la richiesta dei medici dell’o­spedale San Giuseppe Moscati incaricati di far fronte all’emergenza Covid-19, per dormire al seminario diocesano nei turni di riposo. Questo, per dar loro modo di in­tervenire subito in caso di urgenza, data la vicinanza al nosocomio jonico. Si tratta del primario di pneumologia dott. Gian­carlo D’Alagni e dei suoi collaboratori dott.ssa Rosa Clemente e del dott. Ales­sandro Zizzo. L’équipe medica è già da una decina di giorni al “Poggio Galeso”, cui è stata riservata un’ala.

Spiega il rettore don Francesco Maranò: “Eravamo stati contattati dal dott. D’Ala­gni per l’eventuale disponibilità dei posti letto, essendo la nostra l’unica struttura del quartiere in grado di provvedervi. Questo, anche perché i nostri sei seminaristi, per i noti motivi precauzionali, erano stati mandati a casa dal 7 marzo. Non avendo nulla in contrario, anzi spinti dal desiderio di offrire come Chiesa diocesana il nostro apporto nella lotta al Coronavirus, abbia­mo presentato tale richiesta all’arcivesco­vo”.

“Mons. Santoro – continua – ha immedia­tamente dato il suo consenso a procedere, chiedendoci naturalmente di interpellare anche tutta la comunità del “Poggio Gale­so”, sacerdoti e collaboratori laici. Anche questi ultimi, dopo le opportune garanzie a tutela della loro salute presentate dai me­dici, si sono mostrati d’accordo. Così ab­biamo avviato l’accoglienza”.

Data la cadenza turni dei turni particolar­mente serrata a causa di tale emergenza, l’équipe medica si reca nella struttura dio­cesana solo per recarsi nelle loro came­re, non condividendo perciò (ma solo per mancanza assoluta di tempo) i pasti con quanti risiedono in seminario, che prose­guono normalmente la vita quotidiana.

In segno di solidarietà verso quanti sono impegnati così strenuamente nella lotta al Coronavirus, la comunità del “Poggio Ga­leso” ha fatto pervenire, nel giorno di San Giuseppe (il 19 marzo), vassoi di zeppole per medici, infermieri e tutto il personale sanitario del reparto.

Dal canto loro, il primario dott. D’Ala­gni e i suoi collaboratori, per ringraziare mons. Filippo Santoro, hanno realizzato un video che sta girando sui social net­work. “Sentiamo vicino il vostro affetto, sotto ogni punto di vista – hanno riferito gli operatori sanitari – Ci sono vicini il vi­cario generale don Alessandro Greco e il rettore don Francesco Maranò, oltre agli altri sacerdoti della comunità, veramente sempre preziosi, che ci sono venuti incon­tro in qualsiasi momento di difficoltà. Vi ringraziamo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche