News Provincia

Ginosa, «Esorbitanti i costi per la sanificazione urbana»

Il circolo “Latorre” del Pd critica l’amministrazione comunale

Il Palazzo di città di Ginosa
Il Palazzo di città di Ginosa

GINOSA – “E’ una offesa alla democrazia la mancanza di ri­sposte alle interrogazioni sui costi esorbitanti per la sanifi­cazione urbana da Covid-19”. Critici i responsabili del circolo “Latorre” del Partito Democra­tico.

“Il periodo che stiamo viven­do, caratterizzato dalla pande­mia da Covid-19, è chiaramente contraddistinto da tutti gli ele­menti dell’emergenza. Per que­sto, come Partito Democratico di Ginosa e Marina di Ginosa, abbiamo voluto mantenere un profilo più basso, attenzionando tutte le scelte fatte dall’ammini­strazione che governa questo co­mune, monitorandone l’efficacia sul territorio, scegliendo, quindi, di manifestare in questo modo la nostra disponibilità a collabora­re- si legge in una nota del circo­lo del Pd- non sottovalutiamo la difficoltà nell’amministrare una comunità con un territorio così ampio e variegato, quale quello ginosino e marinese, in una tale emergenza, ma, ad ogni buon conto, specie con l’avvio della Fase 2, che ci vede alle prese con una ripartenza legata alla sopravvivenza dell’intero Paese ed improntata alla convivenza con il virus, avvertiamo l’esi­genza di intervenire con forza su alcune problematiche che non possono passare inosservate. E lo facciamo rivolgendoci diret­tamente alla stampa e all’opi­nione pubblica anche attraverso le piattaforme social, perché è ai cittadini che bisogna dare le risposte. Per il 21 maggio pros­ simo è convocato il consiglio comunale. Una notizia che deve equivalere per i ginosini ad una ripresa reale della vita democra­tica sperando che, finalmente, si avvii la buona prassi di dare risposta alle tante interrogazioni poste nei consigli comunali in questa legislatura che si avvia al termine.

Dall’albo pretorio abbiamo ap­preso, con la pubblicazione della determina 649 del 28 aprile, che gli interventi di pulizia straordi­naria e sanificazione delle stra­de cittadine, inizialmente fatte, dalle notizie in nostro possesso, con il mezzo meccanico del Co­mune, e poi dirottate ad una dit­ta specializzata, hanno un costo importante: 12.200 euro circa. Una somma per interventi di pu­lizia già effettuati nel solo mese di marzo dal 19 al 31, e da al­lora non ancora ripresi e conclu­si-.prosegue la nota del circolo “Latorre”- basterebbe aprire un qualsiasi social per vedere come invece ben più numerosi e fre­quenti siano stati gli interventi di sanificazione nei comuni limi­trofi. Sempre guardando a questi comuni, lascia un po’ l’amaro in bocca scoprire che nella vicina Laterza le stesse procedure di sanificazione urbana sarebbero rientrate nel capitolato d’appal­to della ditta che si occupa del­la raccolta rifiuti, senza, quindi, alcun sovrappiù economico per la c omunità. L e d omande c he poniamo sono quindi due- con­clude la nota stampa del circolo del Partito Democratico- una di carattere sanitario e l’altra di ca­rattere economico: come mai si è fermata la sanificazione delle strade? Quali sono i costi reali del servizio sostenuto visto che l’impegno di spesa, inizialmente fissato sui 6mila euro, risulte­rebbe raddoppiato dalla fattura finale presentata dalla ditta spe­cializzata?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche