26 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 26 Ottobre 2020 alle 06:19:08

Cronaca News

Turismo anti-Covid, le proposte degli operatori

Le considerazioni delle categorie di Confcommercio

Uno stabilimento balneare
Uno stabilimento balneare

Trenta miliardi di euro di perdite, in tutta Italia, per il settore della balneazio­ne, oltre a costi di adeguamen­to delle misure anti- covid di 360 milioni di euro per il solo comparto delle concessioni de­maniali marittime. In Puglia il settore alberghiero – secondo Federalberghi regionale – re­gistra perdite tra i 100 ed i 150 milioni di fatturato al mese. Cifre impietose che fotografano il crollo dell’economia del tu­rismo, che comprende strutture ricettive alberghiere ed extral­berghiere, stabilimenti balneari, agenzie viaggi e tour operator, guide ed accompagnatori tu­ristici, ristoranti, sale ricevi­mento, eventi e congressi, porti turistici, discoteche e luoghi di intrattenimento, parchi e luo­ghi di divertimento e sport, ma anche cultura, servizi museali, spettacoli , regali e souvenir.

Adesso si sta progettando la ri­partenza, tra regole di distanzia­mento e difficoltà di spostamen­to, il settore va completamente ripensato.

A tal proposito qui di seguito qualche riflessione a cura delle categorie provinciali del set­tore aderenti a Confturismo/Confcommercio Taranto (Fe­deralberghi; Ospitalità extra al­berghiera; Confguide; Fipe Bar/Ristorazione; Sib; Silb).

La sicurezza

Uno dei problemi più gravi at­tiene la sicurezza dei lavoratori e dei clienti. Sia Federalberghi che Fipe hanno consegnato agli esperti del Governo le proprie proposte.

Nei giorni scorsi è stata la volta dei Rettori delle Università pu­gliesi: hanno presentato un do­cumento di 150 pagine al Pre­sidente della Regione Puglia. Al più presto i protocolli che si dovranno adottare nelle attivi­tà per gestire l’accoglienza, le imprese balneari, i ristoranti, i visite guidate e quant’altro. Pro­tocolli, non più differibili per consentire la reale sopravviven­za delle imprese e che dovran­no tra l’altro essere economica­mente sostenibili per l’impresa . La responsabilità penale per l’imprenditore resta comunque uno dei grandi nodi da scioglie­re.

Le risorse

Gli aiuti della Regione Puglia- L’assessore al Turismo della Regione ha annunciato varie opportunità ed in particolare: voucher occupazionali fino a 7 unità per il settore alberghie­ro ed il microprestito per le PMI per una disponibilità di 45 milioni di euro per il com­parto turistico e culturale; inol­tre l’ampliamento del Titolo II Emergenza Covid a sostegno delle piccole e medio imprese turistico-alberghiere.

Gli aiuti del Governo – Si atten­de il nuovo decreto di maggio del Governo, già si sa che ci sarà un bonus vacanze (tax credit) da utilizzare entro il 2020 in strutture ricettive o stabilimen­ti balneari di 500 euro a fami­glia. L’altra ipotesi è un credito di imposta, un indennizzo per imprese alberghiere che hanno visto ridotto il volume di affari e hanno subito drastici cali del fatturato.

In arrivo probabilmente: il bo­nus affitti; l’estensione degli ammortizzatori sociali anche ai lavoratori stagionali; un fondo per il 2020 per sostenere le im­prese balneari negli interventi di sanificazione; l’esenzione sino a ottobre della tassa di maggiore occupazione del suo­lo pubblico per ristoranti e bar.

Le richieste delle categorie

Contributi a fondo perduto a sostegno delle imprese; Mora­toria fiscale e contributiva sino a gennaio 2021; Azzeramento delle sanzioni per i ritardati pagamenti di cartelle eraria­li; Interventi sui gestori uten­ze; Rafforzamento della cassa integrazione; Accelerazione tempi di pagamento pubbliche amministrazioni; Semplifica­zione burocratico/amministra­tiva; Interventi sulle locazioni commerciali, con ampliamento classi catastali; Ampliamento ed estensione del bonus a tut­te le categorie, professionisti compresi; Maggiori risorse ai comuni e flessibilità ai sinda­ci nella gestione dei bilanci per avviare iniziative di sostegno al comparto del turismo; So­spensione dei canoni demaniali per il 2021; Sospensione degli adempimenti tributari sino a dicembre 2020 (Regione); Az­zeramento delle tasse locali sino a gennaio 2021 (Comuni); Azzeramento diritto camera­le 2020/21 (Camera di com­mercio); Semplificazione degli iter burocratici autorizzazioni, permessi, etc (Stato, Regioni, Enti locali, etc.); Coordinamen­to e snellimento dei controlli da parte Autorità competenti; Banche: snellimento procedure; azzeramento delle commissioni bancarie su anticipo fatture

Le proposte

Controlli contro l’abusivismo. Dehors: ampliamento degli spazi utilizzabili per la ristora­zione e bar sino a fine ottobre (aree pubbliche).

Accoglienza: adozione di una strategia di comunicazione e marketing della destinazione ‘Taranto e la sua provincia’ per rassicurare la comunità e gli ospiti riguardo gli aspetti sani­tari. I materiali di comunica­zione saranno a disposizione da parte di ogni impresa o profes­sionista (scaricabili in rete).

Rete della città solidale: Valo­rizzazione del commercio tra­dizionale di vicinato attraverso l’attivazione di una rete tra at­tività del commercio, imprese turistiche, luoghi di interesse, guide turistiche locali.

Meno contante: incentivo all’u­tilizzo del sistema di prenota­zioni on line ed all’utilizzo del pagamento elettronico (duplice vantaggio: sicurezza e legalità).

Digitale: supporto del digitale per accelerare la ripresa attra­verso app e applicazioni che illustrino itinerari brevi nel territorio provinciale e che con­sentano l’acquisto di un bigliet­to di viaggio o di un voucher.

Mini tour di prossimità con pranzo: si prenota on line, si arriva con la propria auto (self drive), si vive una esperienza sul territorio e si pranza con un menù tipico

Storytelling della bellezza: la promozione del territorio (at­traverso immagini, scorci, fil­mati e racconti) per portare le persone attraverso un viaggio virtuale (siti, social, app) a voler conoscere dal vivo Taranto e la sua provincia.

Viaggiare su due ruote: alla scoperta del territorio viaggian­do in bicicletta per favorire un turismo lento di prossimità ed ecocompatibile, incentivando la nascita di circuiti ciclo/turistici (B&B, trattorie, agriturismi)

Seduti in discoteca: le discote­che estive all’aperto si trasfor­mano in luoghi per cenare (di­stanziati) ed applaudire ad uno spettacolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche