25 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 25 Gennaio 2022 alle 22:11:00

News Provincia di Taranto

Arlotta, accordo per i servizi di assistenza

Base operativa per l’aviazione generale

Tiziano Onesti
Tiziano Onesti

sede di Aeroporti di Puglia l’ac­cordo che prevede l’istituzione di una base operativa (fixed base operator) per l’aviazione generale nell’aeroporto di Grottaglie. Ov­vero: Delta AeroTaxi si occuperà dell’erogazione dei servizi di assi­stenza a terra nell’aeroporto “M. Arlotta”.

“La firma rappresenta un momen­to importante per lo scalo di Grot­taglie – ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Tiziano Onesti – grazie all’ac­cordo, l’aeroporto jonico potrà così offrire servizi di eccellente qualità ad un segmento di doman­da ad alto valore aggiunto con significative ricadute economico-sociali sul nostro territorio. Il “business” di Aeroporti di Puglia opera sempre più verso il merca­to internazionale, mostrando par­ticolare interesse, in questa fase, verso gli scali greci, croati, del Montenegro e dell’Albania”.

L’attivazione di questo servizio, al quale si giunge dopo una pro­cedura competitiva per la subcon­cessione di aree dell’aeroporto di Grottaglie destinate ai servizi di assistenza a terra per l’aviazio­ne generale, compreso l’aerotaxi, nasce per riequilibrare l’utilizzo delle quattro infrastrutture aero­portuali pugliesi e dalla necessità di adeguare le aree aeroportuali al nuovo scenario industriale e, con­seguentemente, le infrastrutture di volo necessarie anche al traffico commerciale.

“Firme come questa – ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano – riempiono il cuore di orgoglio. Grazie al lavoro sinergico con Aeroporti di Puglia restituiamo a Taranto il ruolo che le spetta e rafforziamo un ter­ritorio con nuove iniziative con opzioni di sviluppo diversificate e di sicuro interesse. Questo tipo di accordo nasce infatti dall’at­tenzione che la Regione Puglia ha destinato all’aeroporto di Grotta­glie, prevedendo una serie di im­portanti interventi infrastrutturali che hanno consentito e consen­tiranno la qualificazione delle strutture aeronautiche e l’ammo­dernamento dell’aerostazione pas­seggeri”. .

Attualmente sullo scalo di Grot­taglie, che nell’ambito della programmazione regionale e aziendale riveste una funzione rilevante, anche se non esclusiva, di polo del traffico aereo cargo-logistica ed industriale, ci sono interventi in corso per un ammon­tare di circa 21 milioni di euro, ricadenti all’interno del sedime demaniale, che riguardano preva­lentemente: via di rullaggio TWY “T” dalla testata 17 sino all’attuale piazzale “A” (piazzale Alenia) per evitare manovre critiche di back track degli aeromobili codice “E”;

ampliamento del piazzale sosta aeromobili “D” (antistante l’aero­stazione passeggeri); ristruttura­zione dell’Hangar “ex Atitech”.

Ulteriori 7 milioni di euro riguar­dano l’intervento di riqualifica funzionale del Terminal Passeg­geri. La realizzazione delle opere di infrastrutturazione consentirà, da un lato, la localizzazione di imprese del settore aeronautico/ aerospaziale, dall’altro il potenzia­mento delle infrastrutture di volo anche per lo sviluppo commercia­le. Si prevede, inoltre, un ulterio­re potenziamento della capacità aeroportuale per le operazioni lo­gistiche e cargo, con la definizio­ne della procedura operativa che consentirà la sosta contemporanea di due aeromobili sul piazzale at­tualmente dedicato esclusivamen­te alle operazioni di carico/scarico di competenza Boeing/Leonardo.

3 Commenti
  1. Fra 2 anni ago
    Reply

    Ma in cosa consiste il sevizio ,che tipo di complotto è questo ,per favore se qualcuno è in grado di spiegarci la situazione reale . In pratica non ci sono voli civili ma cosa? Niente autostrada niente treni ,soltanto asini ,cavalli e che più !! Non so di cosa essere felice di questa città ,ditemelo voi , quando possiamo evadere da questo scempio in modo moderno e veloce ,che tristezza !!

  2. Vincenzo 2 anni ago
    Reply

    Prima di esprimere un giudizio su quanto deliberato vorrei conoscere da un esperto quali sono gli aeromobili con codice “D” e quelli con codice “E”. Grazie e saluti

  3. Vincenzo 2 anni ago
    Reply

    Ho letto l’originale dal sito “Aeroporti di puglia” e dopo i salemilecche del presidente Emiliano e dei trombettieri al seguito (molto attivi in vista della prossima tornata elettorale) ci portano ad intuire che un’area dell’Arlotta è stata destinata alla “DELTA AEROTAXI” che potrà anche assicurare il servizio di supporto ad ipotetici voli di linea con paesi specificati “verso gli scali greci, croati, del Montenegro e dell’Albania”. Ecco un’altra ciliegina che non passa alla digestione. Mentre passa al Presidente che cerca di farla scendere a me con la frase: ….che nasce per riequilibrare l’utilizzo delle quattro infrastrutture ecc. ecc.” Per riequilibrare l’Arlotta caro Presidente ce ne vuole, Faccia uno sforzo (se ci riesce giuro che la voterò) riporti l’Arlotta a prima della chiusura “per ristrutturare la stazione aeroportuale” avvenuta nei primi anni del 1970. Per quanto riguarda l’aerotaxi il mio pensiero è il seguente: Chi usa l’aereo come taxi ha il portafogli come un’armonica e per i suoi spostamenti dirà al taxista portami da Milano o altro posto di residenza a Barletta. Lo stesso mai accetterebbe di arrivare a Taranto e poi farsi portare a destinazione con un autotaxi. Solo un pazzo, col grande portafoglio, arriverebbe prima a Taranto e poi via con l’auto sotto il sole. Ci credono proprio sciocchi a credere a queste barzellette che con cadenze sistematiche arrivano sicuri di (zittire) ed accontentare i tarantini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche