27 Gennaio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Gennaio 2021 alle 16:40:07

Cronaca News

Polizia, scatta l’operazione Comunità Sicure

I controlli della Polizia
I controlli della Polizia

La Polizia di Stato continua a presidiare il territorio con l’operazione “Co­munità Sicure”. Già della scorsa settimana, l’attività che vede i poliziotti della Questura di Taranto spingersi fino ai comuni più lon­tani della provincia, è stata posta in essere a Manduria e sulla litoranea. Poi è stata la volta di Ginosa, di Castellaneta e poi anco­ra in programma Grottaglie. Si rilancia la forma di operatività che promuove e raf­forza il principio della “prossimità” della Polizia di Stato in tutta la provincia jonica, un principio corroborante per i sentimenti di fiducia dei cittadini verso le istituzioni perché vedano, sentano, tocchino con mano la presenza delle divise, avvertano l’incede­re rassicurante dei loro mezzi sulle strade dei centri abitati.

Lo spirito dell’operazione “Comunità Sicure”, nota ormai da un anno e fortemente voluta dal questore Giuseppe Bellassai, è proprio quello di intervenire sulla criminalità diffusa, riconsegnando i territori alla disponibilità, appunto, delle “comunità”, allontanando quelle frequenti forme di rassegnazione verso i fenomeni di illegalità che se non combattuti vanno a cronicizzare le patologie sociali finanche rendendoli parte della vita quotidiana. Il contrasto all’abuso di alcol e di droga, ad esempio, è uno degli obiettivi dedicati al fine di rendere i giovani più consapevoli dal tenere condotte sbagliate e deleterie, in primis, contro se stessi; lo smantellamento di abituali “piazze di spaccio”; l’attenzione verso l’utilizzo, alla guida, di casco e cintu­re di sicurezza al fine di rendere consapevo­lezza che, al pari di guanti e mascherine, an­che questi dispositivi servono all’incolumità propria e dei propri accompagnatori. Sono solo alcune tra le finalità dell’operazione “Comunità Sicure” il cui ampio respiro si desume anche dai risultati delle attività già svolte. Nel capoluogo, ad esempio, grazie agli agenti del Commissariato “Borgo” sco­perti numerosi allacci illeciti di energia elet­trica alla rete pubblica, con frodi di almeno 50.000 euro con contestuale denuncia dei proprietari degli immobili. Denunciati an­che parcheggiatori abusivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche