03 Dicembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 02 Dicembre 2020 alle 19:14:04

ArcelorMittal
ArcelorMittal

La notizia ha comin­ciato a serpeggiare nel pomeriggio di martedì 14 luglio, tra difficili ri­scontri e aspetti poco decifrabili. Ar­celor Mittal ha sospeso il capo area dell’Agglomerazione dello stabili­mento siderurgico. Secondo quanto trapela da fonti sindacali, la sospen­sione sarebbe di cinque giorni, ma potrebbero esserci conseguenze an­cora più drastiche.

Al momento di andare in stampa non erano note le motivazioni ufficiali che avrebbero indotto l’azienda ad adottare il provvedimento discipli­nare nei confronti del proprio dipen­dente. Sempre fonti sindacali met­tono in relazione la sospensione del capo area con la tempesta di polveri che si è abbattuta sulla città sabato 4 luglio quando, a seguito del forte ven­to, una nube di polvere ha invaso la città e in particolare i quartieri Tam­buri e Paolo VI. Più che una diretta conseguenza di quanto accaduto il 4 luglio, il provvedimento sarebbe da attribuire ad altri aspetti comunque connessi a quell’evento che ha scate­nato forti proteste a Taranto e che ha fatto scattare una inchiesta della Pro­cura della Repubblica, con le indagi­ni demandate ai Carabinieri del Noe. La stessa Arpa ha certificato che il 4 luglio, dalle 15 alle 16 le centraline hanno rilevato superamenti delle so­glie di emissione. La tempesta ha su­scitato la reazione delle associazioni ambientaliste che hanno gridato alla inutilità delle coperture dei parchi di minerale. In verità il problema è nel mancato completamento delle opere. Delle due coperture più gran­di, ad esempio, una, quella del parco fossile, non è ancora ultimata (come dimostra la foto che pubblichiamo), mentre i parchi secondari dovrebbe­ro essere coperti entro giugno 2021. Restano da coprire anche i nastri tra­sportatori.

Intanto, sul fronte ambientalista, c’è da registrare la posizione del cantan­te Piero Pelù, che ha sposato la causa rivolgendo un appello al presidente del consiglio, Giuseppe Conte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche