23 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Giugno 2021 alle 11:00:13

News Provincia di Taranto

Carosino, una serata tra libri e musica

Nel castello d’Ayala Valva

Lucia Calò, Maria Teresa Laneve ed Elena Manigrasso
Lucia Calò, Maria Teresa Laneve ed Elena Manigrasso

CAROSINO – Una serata, quella vissuta nella meraviglio­sa cornice offerta dal castello D’Ayala Valva di Carosino, che potremmo definire “mistica”. Intesa nella sua più ampia acce­zione e in ragione di tanti ordini di motivazioni.

A cominciare, sopra tutti, anche dalla stessa scaletta della serata. Insieme alla presentazione del libro ultimo scritto dalla polie­drica Elena Manigrasso, la ma­nifestazione si è infatti avvalsa di interventi critici, letture ed esibizioni canore, che hanno at­tratto sin da subito il folto pub­blico presente.

Ma andiamo con ordine comin­ciando proprio dal testo pubbli­cato dalla Manigrasso per la Bo­okSprint Edizioni: “Il mistero di Ischia e altre storie”. Il libro, che non abbiamo ancora letto del tutto, ha però già nel suo stes­so titolo, quella sorta di arcano che insieme alla storia narrata è proprio del viaggio in sé e per sè: si sa da dove si parte ma la destinazione definitiva può alla fine rivelarsi ignota. E’ cioè nel cercare e nel cercare sempre o meglio nel non accontentarsi di quanto trovato, che si cela l’ar­cano del viaggiatore.

Viaggiare liberi da tutti i con­dizionamenti, col solo zaino e sacco a pelo sulle spalle, è poi una sorta di anima insita nell’a­nima di ogni sessantottina che si rispetti, a cui la Elena Mani­grasso per certi versi potrebbe appartenere anagraficamente e culturalmente. Non andiamo oltre per non compromettere il gusto e la curiosità del lettore, tuttavia la domanda nasce spon­tanea in questi casi: quanto il cercare altrove, il riconcorrere il morso dell’avventura seppur ro­manzata del viaggio in esterno, non rappresenti invece una sorta di cercarsi dentro, uno scoprire e scoprirsi nel profondo del pro­prio animo.

Ma questa, si sa, è tutta un’altra storia.

Per tornare alla serata ricordia­mo, dopo la presentazione del libro da parte dell’autrice, l’in­tervento critico di Maria Teresa Laneve, già assessore alla Pub­blica Istruzione e vice sindaco del Comune di Carosino e quello della dirigente scolastica Lucia Calò dell’Istituto Comprensivo Manzoni di Lizzano. Molto ap­prezzate dal pubblico sono stati anche le letture di brani operate da Salvatore Conte e Vitaliana Marinelli, che sono diventate parte integrante della serata in­sieme all’esibizione musicale del terzetto jazz “Fiati Sospesi” e canora della stessa Elena Mani­grasso, accompagnata dal poeta musicista Arcangelo Conzo (che ha pure firmato la prefazione del libro in parola). Pubblico attento e numeroso, presente anche da fuori paese, in una serata atten­tamente curata dal movimento “Donne in fermento”, con chia­ri riferimenti alle violenze sul­le donne, che ha proposto una manifestazione all’insegna del divertimento, della cultura, ma anche dell’impegno sociale,.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche