19 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 18 Giugno 2021 alle 18:23:13

Confcommercio punta anche sui matrimoni
Confcommercio punta anche sui matrimoni

«La Puglia è una delle regioni italiane più getto­nate dagli sposi a caccia di emo­zioni; il bel paesaggio pugliese, particolarmente apprezzato dal­le coppie straniere (inglesi, rus­si e persino australiani) e dalle celebrity, è infatti la cornice ideale per gli operatori turistici che propongono location ma­trimoniali suggestive con pac­chetti all inclusive comprensivi di tutti i servizi pre e post ce­rimonia.

«Il pianeta ‘matrimonio’ genera un indotto non solo turistico, ma anche commerciale a più zeri, che coinvolge dai wedding plan­ner ed organizzatori di eventi, ai ristoranti, sale da cerimonia e servizi catering, agenzie im­mobiliari specializzate in mas­serie, case padronali e location esclusive, le attività ricettive, le agenzie viaggi, studi fotografici, servizi noleggio auto, atelier, hair stylist, makeup artist, og­gettistica ed articoli da regalo, fioristi, servizi audio/video, luci e tant’altro ancora».

Sono per ora circa una trenti­na gli operatori del settore che daranno vita alla categoria pro­vinciale del Wedding Confcom­mercio Taranto.

«Un ambito operativo trasver­sale che vede riuniti attorno al giorno del fatidico “sì”, una articolata rete di imprese. Nel corso di vari incontri tra opera­tori provenienti da settori diver­si, ma con esperienze lavorative condivise nel corso di eventi e di rassegne fieristiche specializ­zate, è emersa la volontà di av­viare un percorso di collabora­zione e di confronto finalizzato anche a valorizzare la wedding destination Taranto. Intanto, per ora un primo importante obiet­tivo è fare fronte comune per superare l’impasse che l’emer­genza covid ha causato al setto­re. Infatti, malgrado l’ordinanza del governatore Emiliano abbia dato il via libera – dal 15 giugno scorso – alle cerimonie, il fio­rente settore del wedding ‘made in Puglia’ stenta a ripartire: sono infatti saltati non solo i matrimoni programmati in pie­na emergenza covid, ma anche buona parte di quelli program­mati per la primavera – estate 2020. Le linee guida, emesse della Regione Puglia, con l’or­dinanza 259, evidentemente non sono bastate per rassicurare i promessi sposi e le famiglie a non postecipare la data degli eventi al 2021. Così il prossi­mo anno, covid permettendo, le location e le sale ricevimenti più ricercate, tra rinvii e nuove prenotazioni, potrebbero essere sold out, almeno così si spera».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche