Altri Sport News Sport

Tritons, al giro di boa griffati Fondazione Taranto 25

Si riprende il 17 agosto con gli allenamenti. Prossimo impegno agonistico il 30 agosto

Fabio Tagarelli, Antonio Maggio e Nico Monfredi
Fabio Tagarelli, Antonio Maggio e Nico Monfredi

«Dopo il periodo di fermo assoluto necessario per il contenimento del virus Co­vid-19, le attività societarie ed agonistiche sono ripartite fre­netiche, giunti al giro di boa di questa strana stagione possiamo affermare che i risultati sono molto soddisfacenti».

Dal punto di vista societario il club tarantino ha incassato l’o­mologazione del campo di Tra­montone cosa per niente scon­tata a febbraio, grazie al grande impegno dei soci dei Tritons che ad ogni partita si prodiga­no in maniera straordinaria al montaggio ed allo smontaggio del campo, omologazione otte­nuta anche grazie all’intervento dell’amministrazione comuna­le rappresentata dall’assessore allo Sport Fabiano Marti che in sintonia con gli uffici dei Lavo­ri Pubblici in tempi record sono riusciti a terminare i necessari interventi per far sì che i Tritons possano giocare in casa le parti­te. Tuttavia resta da sistemare il discorso relativa alla recinzione perimetrale del campo che è ri­sultata incompleta.

«Ma proprio dall’amministra­zione comunale e dal sindaco di Taranto Rinaldo Melucci duran­te l’incontro avvenuto a Palazzo di Città lo scorso 8 giugno ab­biamo appreso della progettua­lità in atto per la realizzazio­ne di un campo da baseball, vero, in zona Taranto2. Inoltre in questi ultimi giorni è sta­ta formalizzata la parteneship con la Fondazione Taranto 25 del presidente Fabio Tagarelli, la nascente fondazione riunisce imprenditori e professionisti di Taranto con l’intento di dare so­stegno allo sport, alla cultura ed al mondo del volontariato».

«Non ci siamo mai fermati – spiega il numero uno della so­cietà Antonio Maggio – neanche durante il lockdown, il consi­glio direttivo ha continuato a lavorare alacremente affinchè i Tritons fossero pronti ad ot­temperare ai nuovi protocolli stabiliti dalla Fibs, il baseball è l’unico sport a livello agonisti­co che ha avuto il via libera dal Comitato Tecnico Scientifico e dal Coni quindi siamo stati pio­neri nell’espletamento dei rigidi protocolli imposti. La program­mazione che ci eravamo impo­sti sta funzionando, ci dispiace aver dovuto interrompere i pro­getti scolastici che stavano per partire, tuttavia, i risultati mi sembrano soddisfacenti”.

Dal punto di vista agonistico i Tritons hanno giocato un di­screto girone di andata, con una media 500 in classica che vale il secondo posto appaiati ai Warriors Bari nel girone P del­la Serie C nazionale, dominato dagli Angels Matino ancora im­battuti. I Tritons hanno dovuto fare i conti con gli infortuni di giocatori veterani e fondamen­tali quali Morales, Iemmolo e Piccolo un colpo davvero duro per il manager Luis Rafael Mo­tolese:” A giugno pensavamo di avere una squadra, poi poco pri­ma dell’inizio del campionato ci siamo ritrovati a dover ripro­grammare tutto – chiosa Moto­lese – cogliamo l’occasione per lanciare i nostri giovani con la speranza di recuperare qualche infortunato durante la pausa, speriamo di poter sfruttare il fattore casa nel girone di ritor­no e migliorare ulteriormente la nostra classifica».

Anche la Under 18 vanta un record di 2 vinte e perse, una squadra che vede tanti esor­dienti e che rappresenta la spina dorsale dei Tritons per il futuro prossimo con la concreta spe­ranza che questi ragazzi al pari dei loro coetanei possano gio­care su un vero campo da base­ball.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche