21 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Giugno 2021 alle 19:30:12

Attualità News

Tra cielo e mare, turismo in città e sul Mar Piccolo

Veduta aerea di Mar Piccolo e Mar Grande
Veduta aerea di Mar Piccolo e Mar Grande

Un invito al turismo lento e consa­pevole, lungo itinerari inconsueti e fino a oggi meno battuti, per risco­prire il patrimonio naturale e cul­turale del Mar Piccolo. Si chiama “Tra cielo e mare” il ciclo di appuntamenti dedicati al turismo esperienziale proposto da Wwf Taranto e sviluppati con l’Ecomu­seo Palude la Vela e Mar Piccolo e con altri partner del progetto Ecopamar. Con que­sto progetto, l’Amministrazione di Taranto, attraverso l’Ecomuseo, intende promuovere la conoscenza e la fruizione turistica del Mar Piccolo, evidenziando l’indissolubile rappor­to della città con il suo mare. Un program­ma di attività esperienziali pensato per per­mettere ai cittadini di Taranto ed ai turisti di ammirare un paesaggio dai mille volti, ricco di interessanti e numerose sfaccettature. Dai giardini nobiliari al Borgo alla cultura mari­naresca della Città Vecchia, dalle aree at­trezzate per i più piccoli in Parco Cimino alla tradizione artigianale in esposizione al MuDi (Museo Diocesano), dalla bellezza dell’area protetta Palude La Vela alle tracce del Sa­cro disseminate lungo la Circumarpiccolo. «Stiamo seminando un cambiamento posi­tivo – le parole del sindaco Rinaldo Meluc­ci – stiamo cambiando la grammatica del­le relazioni con il territorio, veicolandone un’immagine differente. Non vuol certo dire nascondere i problemi, ma questo lavoro encomiabile messo in campo dagli amici di Wwf ed Ecopamar merita tutta la nostra at­tenzione. Perché ci troviamo di fronte a un progetto di tutela e valorizzazione che tiene dentro tutte le risorse di questa città, anche quelle economiche».

Condividendo questa proposta progettua­le, l’Amministrazione finanzierà la realizza­zione di ben 28 appuntamenti tra agosto e settembre al fine di rendere gratuita, al­meno per una volta per quanti ne facciano richiesta, una visita guidata nell’Ecomuseo. L’intero programma dell’iniziativa è disponi­bile sul sito web ecomuseomarpiccolo.com, attraverso il quale è altresì possibile riserva­re il proprio posto per i tour a prenotazione obbligatoria.

«Ringrazio tutti gli attori coinvolti per aver concretizzato la linea dell’amministrazione Melucci – ha aggiunto l’assessore all’Am­biente Annalisa Adamo – sposando il per­corso di transizione di “Ecosistema Taranto”, che è anche un percorso di rinascita eco­nomica. Abbiamo una prospettiva impor­tante, grazie al sindaco per aver immagi­nato questo percorso di rinascita, grazie al WWF per essere stata antesignana di questo approccio». Sarà possibile partecipare anche a tutti gli altri itinerari del programma (ticket di 5 euro) secondo le modalità che troverete sul sito web dell’ecomuseo. I bambini fino a 10 anni non pagano. Aggiornamenti e infor­mazioni sull’iniziativa disponibili anche alla pagina Facebook https://www.facebook.com/EcoPaMar.

DESCRIZIONE DEI PERCORSI

La Città Vecchia di Taranto ed il suo mare. La “città vecchia di Taranto” o “Isola Madre” stretta tra i suoi due ponti si affaccia sul Mar Piccolo ed ha sempre vissuto in modo sim­biotico il suo rapporto con il mare. Una pas­seggiata tra banchine di pescatori, chiese e vicoli. Il racconto di un unione indissolubile tra la città ed il suo mare. Previsto ingresso alla Cattedrale di San Cataldo. Gruppo: massimo 30 adulti. Luogo d’incontro: Piazza antistante la Cattedrale di San Cataldo (ore 18.00) Prenotazione: Obbligatoria Difficoltà: Facile.

I sentieri del sacro. Itinerario alla scoperta dell’antichissima tradizione Petrina di Taran­to. Luoghi, sentieri, panorami sulle sponde del Mar Piccolo ammirati anche dal Princi­pe degli Apostoli. Un tour alla scoperta della Basilica dei Santissimi Pietro ed Andrea (oggi Histò) datata al X secolo, dei resti dell’anti­ca domus romana e dell’acquedotto di età classica. Camminando lungo i sentieri si sco­priranno paesaggi, flora e fauna unici tra i resti della necropoli classica, medievale ed antiche cave e grotte. Gruppo: massimo 30 adulti. Luogo d’incontro: parcheggio ester­no Histò (ore 18.00). Prenotazione: Obbliga­toria. Difficoltà: Facile.

I giardini di Taranto. Le sponde del Mar Pic­colo erano abitate da antiche dimore nobili con splendidi giardini. Ancora oggi, alcuni di questi sono visitabili e dietro gli antichi muri di recinzione sanno stupire per la ric­chezza delle piante in essi racchiusi e del­le innumerevoli testimonianze dell’antica ricchezza della città. Un tour che partendo dalla Villa Peripato conduce al giardino dell’ospedale Militare tra piante secolari, racconti di antiche residenze gentilizie che hanno ospitato Cardinali, Vescovi, Re e le antiche testimonianze archeologiche (dai monumenti funebri e la domus romana oggi alla Villa Peripato ai sarcofagi e il sacello ro­mano dell’ospedale militare). Gruppo: mas­simo 30 adulti. Luogo d’incontro: Ingresso Villa Peripato- Via Roma (ore 9.30). Prenota­zione: Obbligatoria. Difficoltà: Facile

La seta del Mar Piccolo. Il bisso tarantino, famoso quanto prezioso in epoca antica. Il racconto della produzione di quella che an­cora oggi viene definita “la seta del Mare” tra tradizione e gli antichi reperti conserva­ti al Mudi (Museo Diocesano di Taranto). E’ prevista la visita guidata dell’intero Museo Diocesano. Gruppo: massimo 20 adulti. Luo­go d’incontro: Ingresso Mudi – Museo dioce­sano Taranto (ore 18.00) Prenotazione: Ob­bligatoria Difficoltà: Facile

ATTIVITA’ PER BAMBINI

Il grande Gioco dell’Oca. Un gioco dell’oca talmente tanto grande che le pedine non possono essere i partecipanti stessi! Un mo­mento di gioco e scoperta delle più belle attrazioni artistiche e storiche di Puglia utiliz­zando come scenografia la natura del Mar Piccolo. Gruppo: massimo 30 bambini. Luo­go d’incontro: Convento dei Battendieri op­pure Villa Peripato (utilizzando area destina­ta ai Campus). Prenotazione: Obbligatoria. Difficoltà: Facile.

Il teatro della natura. Letture animate e rac­conti in natura con la tecnica del Kamishibai antico teatrino portatile tipico del medioe­vo e delle culture orientali. Gruppo: massi­mo 30 bambini.

Luogo d’incontro: Convento dei Battendieri oppure Villa Peripato (utilizzando area de­stinata ai Campus) Prenotazione: Obbliga­toria. Difficoltà: Facile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche