17 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Giugno 2021 alle 19:23:30

News Provincia di Taranto

Patrimonio rupestre, donati al comune di Ginosa gli scatti di Bozza e Capone

Patrimonio rupestre, donati al comune di Ginosa gli scatti di Bozza e Capone
Patrimonio rupestre, donati al comune di Ginosa gli scatti di Bozza e Capone

GINOSA – Affreschi delle Chiese Rupestri, vedute del Casale e della Rivolta inedite, scorci di un centro antico degli ultimi anni ‘60 impressi per sempre su carta. Ieri, lunedì 10 agosto, è stato donato al Comune di Ginosa l’intero archivio fotografico originale degli architetti Paolo Bozza e Maddalena Capone relativo alle Chiese Rupestri. Oltre 100 gli scatti, compresi i negativi, alcuni dei quali già pubblicati nei volumi “Chiese Rupestri a Ginosa’’ (1969) e “Le Chiese Rupestri di Ginosa’’ (1991).

A consegnare il materiale al Consigliere con delega ai Beni Culturali Angelo Moro, direttamente il nipote di Bozza e Capone, il sig. Ivan Malvani. Le fotografie saranno custodite nella Biblioteca Civica di Ginosa per rendere questo patrimonio fruibile a tutti.

Patrimonio rupestre, donati al comune di Ginosa gli scatti di Bozza e Capone
Patrimonio rupestre, donati al comune di Ginosa gli scatti di Bozza e Capone

«Il nostro Comune entra in possesso di materiale fotografico importantissimo per la ricostruzione di un patrimonio in parte perduto – ha dichiarato Moro – grazie a questi scatti e ai rispettivi negativi, ristampabili con le tecniche moderne, abbiamo l’opportunità di ammirare i particolari delle nostre Chiese Rupestri così come si presentavano cinquant’anni fa. Un grande ringraziamento va a Paolo Bozza e Maddalena Capone non solo per la gentile donazione, ma anche per il lavoro egregio che svolsero per l’identificazione, localizzazione e descrizione delle Chiese Rupestri della nostra gravina. Ancora oggi quei volumi rappresentano una testimonianza importantissima e un punto di riferimento per tutti i ginosini e per il mondo accademico. Un ringraziamento va anche al sig. Malvani per la preziosa disponibilità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche