15 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Giugno 2021 alle 17:29:48

Cronaca News

Tassista fermato con un chilo di eroina nel bagagliaio

La droga sequestrata
La droga sequestrata

Preso tassista con l’hobby dello spaccio.

I carabinieri hanno arrestato un trentacinquenne e sequestrato un chilo di eroina.

Sono stati i militari del Nucleo investigativo del Comando pro­vinciale, i quali hanno potuto contare sulla collaborazione, nella fase esecutiva, di una pat­tuglia dell’Aliquota radiomobile della Compagnia di Massafra, a cogliere nella flagranza del reato di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, un tassista incen­surato.

I carabinieri, sospettando che l’uomo utilizzasse la propria at­tività di tassista per trasportate e spacciare sostanza stupefacente, a seguito di un lungo servizio di appostamento e pedinamento hanno sottoposto il trentacin­quenne a un controllo mentre percorreva la strada statale 106.

Il tassista al termine di un’accurata perquisizione è stato trovato in possesso di un chilogrammo di eroina.

I carabinieri hanno rinvenuto due panetti di droga che l’uo­mop aveva nascosto all’interno del bagagliaio del suo taxi.

La sostanza stupefacente seque­strata, che sul mercato avreb­be fruttato circa 20.000 euro, è stata consegnata al L.A.S.S. del Reparto operativo del Comando provinciale di viale Virgilio per le successivi analisi.

L’arrestato, al termine dei rilievi fotosegnaletici e delle altre for­malità di rito, su disposizione dell’autorità giudiziaria è stato condotto nella casa circondaria­le del capoluogo jonico.

Ora gli investigatori del Coman­do provinciale stanno indagan­do per scoprire i canali di ap­provvigionamento e di spaccio a cui faceva riferimento il tassista che è finito nella trappola tesa dai militari in borghese della caserma di viale Virgilio e dei loro colleghi dell’Aliquota ra­diomobile della Compagnia di Massafra.

Proseguono, quindi, a ritmo ser­rato i controlli antidroga da par­te delle forze dell’ordine sia nel capoluogo jonico che nei centri della provincia.

Nella rete tesa dagli investigatori finisce quasi un pusher al giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche