21 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Giugno 2021 alle 19:30:12

Cronaca News

La differenziata in Città Vecchia di Taranto entra nel vivo

La differenziata in Città Vecchia di Taranto
La differenziata in Città Vecchia di Taranto

Entra nel vivo la fase di lancio della raccolta differenziata in Città Vecchia. Sono stati consegnati venerdì mattina nel deposito di “Kyma Ambiente – Amiu” le batterie di cassonetti ingegnerizzati che sostituiranno quelli attuali.

Da lunedì 24 i cassonetti inge­gnerizzati verranno posizionati nelle mini isole ecologiche in­dividuate lungo il perimetro del centro storico.

Si tratta di cinque postazioni per quattro cassonetti ingegne­rizzati suddivisi per organico, multimateriale, indifferenziato e vetro.

L’apertura dei cassonetti inge­gnerizzati avviene esclusiva­mente attraverso apposite card che sono state distribuite ai re­sidenti del quartiere (circa 600 utenze), insieme ai sottolavelli e alle buste per l’organico, oltre che al materiale informativo per un corretto frazionamento dei rifiuti.

Il funzionamento è molto sem­plice: sarà sufficiente avvicina­re la tessera al display elettro­nico, premere la pedaliera per aprire lo sportello e quindi con­ferire il rifiuto prima di chiu­dere lo sportello rilasciando la pedaliera.

«Bisogna osare – ha commen­tato il presidente di “Kyma Ambiente – Amiu” Giampiero Mancarelli – e con le indica­zioni del sindaco Rinaldo Me­lucci lo stiamo facendo. “Kyma Ambiente” è orgogliosa di poter mettere in campo questi nuovi cassonetti che sono all’avan­guardia e che permetteranno a Taranto di entrare nella tran­sizione ecologica auspicata. Questa è una scommessa che proviamo a vincere e che vin­ceremo nelle prossime settima­ne. Il 24 agosto avremo in Città Vecchia questi nuovi cassonetti ingegnerizzati, di dimensioni importanti, che ci danno la pos­sibilità anche di controllare il corretto conferimento da parte degli utenti. Questo ci consenti­rà di premiare gli utenti più vir­tuosi, con una riduzione sulla tassa sui rifiuti, e di monitorare chi invece non effettua la diffe­renziata secondo le regole».

Il presidente Mancarelli ha ringraziato le associazioni di “Rete a Raccolta” per il con­tributo alla promozione della raccolta differenziata in Città Vecchia, così come i volonta­ri dell’Oratorio San Giuseppe. «Chiediamo la collaborazione dei cittadini perché Taranto sta cambiando».

L’assessore Paolo Castronovi si è soffermato sulla seconda fase della raccolta differenziata che sta partendo.

«Questo è un sistema innovati­vo che abbiamo scelto insieme al sindaco Rinaldo Melucci per avviare la raccolta differenzia­ta in Città Vecchia. È possibile conferire in qualsiasi orario, ma non solo: i cassonetti ingegne­rizzati sono dotati di sensori che ci avvisano quando sono pieni. In questo modo i passag­gi dei nostri mezzi saranno più mirati, con un risparmio che si aggira sul 30%».

1 Commento
  1. Giuseppe 10 mesi ago
    Reply

    Bellissima iniziativa… ma una domanda sorge spontanea….Perchè questi nuovi cassonetti non vengono posizionati nelle zone dove già ora viene fatta la raccolta differenziata? se il Sindaco o il Presidente di Kyma ambiente venissero a fare 2 passi ad esempio al quartiere Tamburi vedrebbero come le strade sono piene di cassonetti che strabordano di immondizia mentre se ci fossero i nuovi cassonetti che avvisano quando sono pieni non si assisterebbe allo scempio che sono costretto vedere ogni giorno…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche