06 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 06 Maggio 2021 alle 15:58:04

Attualità News

Ecco come «Aiutare i bambini e i ragazzi in situazioni di difficoltà»

Ecco come «Aiutare i bambini e i ragazzi in situazioni di difficoltà»
Ecco come «Aiutare i bambini e i ragazzi in situazioni di difficoltà»

«Aiutare i bambini e i ragazzi in situazioni di difficoltà economica, a trovare il loro posto nella società. Questo si può, attraverso la pratica delle arti marziali e lo yoga, discipline che conducono ad un percorso di crescita interiore».

Continua l’importante campagna d’informazione e sensibilizzazione alla donazione del 5×1000 della associazione “Il nome è…”, promossa per dare ai bambini una formazione alle discipline delle arti marziali e dello yoga in forma totalmente gratuita. Questo è possibile grazie ad un semplice gesto. Basta inserire il codice 90253640735 nella scelta per la destinazione del 5×1000 al momento della compilazione della dichiarazione dei redditi e di tutti i modelli reddituali. Un piccolo gesto per sostenere un lodevole progetto di vita.

L’associazione, ramificata già a livello nazionale, grazie a numerosi soci e sostenitori, animatore di eventi culturali già nel 2019 (Festa dei Bambini di Statte e Peschici Libri&Cultura) è presieduta da Giuseppe D’Onghia.

«Chiedo di sostenere il progetto rivolto ai bambini di famiglie sulla soglia di povertà che subiscono l’autoesclusione sociale e rischiano di accrescere i numeri dell’abbandono scolastico, per offrire loro l’insegnamento dello Yoga e delle discipline delle Arti Marziali in forma completamente gratuita – dichiara Giuseppe D’Onghia – Una possibilità che parte dal basso per creare un futuro di coscienza e consapevolezza. A partire dalla città di Taranto, dove il territorio e l’aria sono diventati pesanti. Conto sulla vostra sensibilità d’animo, per compiere questo piccolo miracolo fatto di azioni concrete».

Secondo una recente indagine, in Europa il 23% di bambini e ragazzi sono a rischio povertà ed esclusione sociale. In Italia la percentuale si attesta al 30%. «Ogni genitore vorrebbe che il proprio figlio crescesse con il giusto mix di autostima e disciplina, e le arti marziali, soprattutto se praticate fin dalla tenera età, possono raggiungere questo risultato, accompagnando il bambino in tutto il suo percorso di crescita» conclude il presidente del sodalizio sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche