26 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Luglio 2021 alle 14:53:00

La mostra fotografica di Ottavio Cristofaro
La mostra fotografica di Ottavio Cristofaro

Ci sono luoghi della Puglia che vanno vissuti in modalità slow per essere apprez­zati e compresi al meglio. Sono luoghi da “degustare” come si fa con un buon vino, lentamente: ci si lascia colpire dal primo impat­to e, dettaglio dopo dettaglio, si resta affascinati dalle sfaccetta­ture del retrogusto, quelle che la­sciano il segno. La Valle d’Itria è uno di quei luoghi da prendere così. Lo sa bene Ottavio Cristo­faro, giornalista e autore della mostra fotografica “Pellegrino in Valle d’Itria”, allestita pres­so il Villaggio di Sant’Agostino di Martina Franca in occasione della tre-giorni di festeggiamen­ti del santo protettore.

L’espo­sizione è un viaggio nella terra della Valle d’Itria, alla scoperta dei luoghi simbolo dei centri storici di Martina Franca, Ci­sternino, Locorotondo e Fasano. Di fondo, è anche un omaggio agli scritti e alle ricerche del­lo storiografo Cesare Brandi. Il pellegrino, nell’immaginario dell’autore, percorre la strada tra i borghi della valle, sofferman­dosi davanti a scorci suggestivi e monumenti, lasciandosi in­cantare dalle luci naturali che si stagliano sulle pietre chiare, simbolo di questa terra. La scelta stilistica della “foto nella foto” si basa sull’utilizzo in contempo­ranea della tecnica della foto­grafia istantanea, stile polaroid, con la fotografia digitale come quella dei moderni smartphone. In ogni tela, un trattamento foto­grafico molto leggero, semplice e lineare – a cura di Daniela Ro­manelli – restituisce autenticità e corrispondenza della foto alla realtà, proprio per evidenziare l’esaltazione di un contesto este­ticamente già bello di suo. Gra­fica a cura di Fabiana Chiarella. La mostra è allestita presso il Villaggio di Sant’Agostino, ex convento delle Agostiniane nel centro storico di Martina Fran­ca. È stata inaugurata il 26 ago­sto e aperta per tre giorni, sarà resa nuovamente visitabile con la riapertura settembrina della struttura.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche