04 Dicembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 03 Dicembre 2021 alle 06:39:55

Rinaldo Melucci
Rinaldo Melucci

Importante tavolo nella giornata di ieri, mercoledì, tra tutte le istituzioni locali interessate all’avvio dell’anno scolastico, convocato e coor­dinato dal Prefetto di Taranto Demetrio Martino, con la finalità di fare il punto dei numerosi interventi per mettere in sicurezza gli edifici scolastici ionici e riorganizzare il trasporto pubblico loca­le, alla luce delle definitive linee guida emanate dal Ministero competente per il contrasto al Covid-19.

Il sindaco Rinaldo Melucci ha potuto il­lustrare, nel particolare, i progressi dei più di 30 cantieri e delle forniture legate alla convenzione da 1 milione di euro sti­pulata con gli istituti scolastici del capo­luogo di competenza comunale.

Inoltre, assecondando la richiesta di al­cuni dirigenti scolastici, una proficua co­operazione istituzionale si è registrata tra il Comune e la Provincia di Taranto, per garantire il rispetto del distanziamento sociale anche agli studenti delle scuole superiori cittadine per l’anno 2020-21. I due enti, infatti, hanno condiviso la boz­za di una ulteriore convenzione per l’u­tilizzo gratuito da parte della Provincia di alcuni spazi di proprietà del Comune, aule e locali, una cinquantina su quattro diversi plessi, attualmente non utilizzati dagli istituti scolastici comunali e non ri­entranti nel fabbisogno indicato dai dele­gati RSPP di questi ultimi istituti.

Nel dettaglio, l’istituto “Archimede” uti­lizzerà 16 aule del plesso “Foscolo” a Talsano, all’istituto “Vittorino Da Feltre” sono state assegnate 19 aule al secondo piano della scuola “Acanfora”, il “Liside” sistemerà alcune classi in 6 aule al pia­no terra dell’istituto comprensivo “Dante Alighieri”, il liceo “Ferraris” avrà neces­sità di una sola aula individuata nel gran­de locale della necropoli di Via Marche e, infine, il “Battaglini” sta definendo il suo fabbisogno che oscilla tra 5 e 7 aule tutte al primo piano della scuola “Acan­fora”.

La Provincia naturalmente si impegne­rà ad utilizzare gli spazi secondo la loro destinazione, provvedendo ai lavori di ordinaria e straordinaria manutenzione, al risarcimento di eventuali danni e al pagamento delle utenze in proporzione.

«Siamo moderatamente ottimisti – ha di­chiarato il primo cittadino ionico -, lavo­riamo ormai da tre mesi insieme all’Uf­ficio Scolastico Provinciale e a tutti i nostri dirigenti scolastici, per adeguare i nostri plessi alle linee guida nazionali e iniziare in sicurezza l’anno scolastico. È una sfida tutta nuova e per certi aspetti imprevedibile, ma siamo tutti molto de­cisi a salvaguardare la serenità di perso­nale e famiglie, la salute dei nostri ragaz­zi e il loro diritto allo studio». «C’è stata una attività importante fatta dal Comune capoluogo e dall’amministrazione pro­vinciale» ha detto il prefetto di Taranto, Demetrio Martino. «Questo ci fa ritene­re che grandi criticità non ne dovremmo incontrare nel momento della riapertura del ciclo scolastico» ha aggiunto. «Non ci sono grandissimi problemi di logisti­ca, neanche quello legato agli arredi, se non questa eventualità che ci possa es­sere qualche ritardo, anche nella nostra provincia, nella consegna dei banchi per­sonali o banchi mobili. Però al di que­sto – ha sostenuto il prefetto – , c’è una generale convinzione della riapertura in tutti i plessi scolastici con la presen­za contemporanea di tutti gli alunni che ci fa ritenere che sia un obiettivo molto importante anche per questa comuni­tà”. “Così come sul piano del trasporto pubblico locale – ha aggiunto il prefetto Martino – vi è già una pianificazione che consentirà di mantenere gli orari di in­gresso di tutti i ragazzi, soprattutto quelli della scuola primaria, che usufruiscono degli scuolabus, contemporaneamente. In tutto quest’ambito dobbiamo ricono­scere – ha rilevato il prefetto di Taranto – e rispettare l’autonomia di ogni istituto scolastico e quindi anche i vari dirigenti che, situazioni che per il momento non si appalesano, potrebbero disporre qualche sfasamento».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche