21 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 21 Ottobre 2020 alle 16:38:07

News Provincia

Francesca Franzoso: «Regione bocciata sul depuratore di Manduria»

Francesca Franzoso
Francesca Franzoso

MANDURIA – Depuratore di Manduria, il Ministero boccia la Regione: Impossibile scarico su suolo. Il consigliere regionale Francesca Franzoso: “Emiliano ha raggirato tutti. Chieda scusa”.

“Il Ministero squarcia il velo, ad un passo dal voto, sullo scarico a mare del depuratore di Man­duria.

Lo scarico nel mare si farà, e non come vagheggiato da Emi­liano, su suolo. A mettere la pietra tombale su questa vicen­da surreale è stato il Ministero dell’Ambiente, che ha ovviamen­te negato la deroga fantascienti­fica richiesta della Regione e dai suoi improbabili tecnici.

Una richiesta stroncata dal Mi­nistero, e bollata come “una de­roga”, priva di qualsiasi “fonda­mento giuridico e normativo”.

Lo ha dichiarato Francesca Franzoso a seguito della risposta scritta pervenuta dal Ministero dell’Ambiente sul depuratore di Manduria.

“Il tempo ristabilisce sempre la verità – ha proseguito il con­sigliere regionale- il Ministero ha messo in chiaro una volta per tutte che lo scarico a mare del depuratore di Manduria è inelu­dibile.

Insomma una bocciatura e, tra le righe, pure una tirata d’orecchie per la Regione, che per questo verrà segnalata al “Commissa­rio straordinario unico, in ragio­ne della procedura d’infrazione aperta dalla commissione Euro­pea sul sistema di depurazione in Puglia” – rilevano dal Ministero.

Emiliano, dunque, non solo ha tenuto per una intera legislatura i cittadini ostaggio delle sue men­zogne, ma per lo stesso periodo ha anche negato a Sava la possi­bilità di dotarsi, come tutti i pa­esi civili, di un sistema fognario allacciato ad un comunissimo depuratore.

Ora Michele Emiliano chieda scusa.

Chieda scusa agli abitanti di Sava che nel 2020 galleggiano ancora sui liquami. E agli abi­tanti di Manduria per lo stato di inquinamento della falda causa­ta dal vecchio depuratore, ormai obsoleto, che in barba alle leggi scarica al suolo.

Ammetta pubblicamente il ten­tativo di raggirare le leggi e la buona fede delle persone- ha concluso Francesca Franzoso- e si faccia una buona volta da par­te in questa vicenda che, senza di lui e ad altri lucratori di con­senso politico, sarebbe stata già risolta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche