21 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Giugno 2021 alle 16:41:48

Cronaca News

Accorpamento delle Camere di Commercio, summit con tre sottosegretari

Luigi Sportelli
Luigi Sportelli

Accorpamenti delle Camere di Commercio di Taranto e Brindisi: i due terri­tori incontrano i sottosegretari Turco, Morani e Todde.

Lunedì pomeriggio, dalla sede della prefettura di Taranto, si è svolto in conference call un in­contro sugli accorpamenti delle Camere di commercio, orga­nizzato dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Ma­rio Turco, con la presenza del­le sottosegretarie al Ministero dello Sviluppo Economico con delega alle Camere di commer­cio, Alessia Morani, e con dele­ga alle aree di crisi industriale, Alessandra Todde.

All’incontro, voluto dalla Ca­mera di commercio di Taran­to, hanno partecipato i prefetti delle due province di Taranto e Brindisi, Demetrio Martino e Umberto Guidato; i sindaci di Taranto e di Brindisi, Rinal­do Melucci e Riccardo Rossi, quest’ultimo anche in veste di presidente della Provincia di Brindisi; il presidente della Provincia di Taranto, Giovan­ni Gugliotti; e, naturalmente, i presidenti degli Enti camerali interessati, Luigi Sportelli e il neo – eletto Antonio D’Amore, i quali hanno argomentato sot­to il profilo tecnico e politico le numerose ragioni per le quali il provvedimento è sbagliato, strumentale e lesivo delle eco­nomie provinciali e dovrebbe, consequenzialmente, essere stralciato dall’A.S. 1925 al mo­mento in discussione presso la V Commissione del Senato.

«I sottosegretari hanno ascol­tato con attenzione le ampie motivazioni avverso l’articolo 61 del “Decreto Agosto” – com­menta il presidente Sportelli – e, più in generale, di contrarietà ad azioni dirigiste che, già in prima battuta comporteranno il commissariamento della Came­ra di commercio di Brindisi e, con ogni probabilità, pure degli Organi ancora legittimamente insediati della Camera taran­tina. Devo esprimere partico­lare apprezzamento per il Sen. Turco per la grande sensibilità e l’attenzione prestata all’argo­mento organizzando l’incontro di oggi, nonché ringraziare le altre Istituzioni presenti per il loro interesse e sostegno».

I sottosegretari si sono, da ul­timo, impegnati a verificare la possibilità di una proroga nella nomina dei Commissari. Nei prossimi giorni si conosceran­no gli esiti delle interlocuzioni odierne.

«Ringrazio il sottosegretario alla presidenza del consiglio Mario Turco per aver promosso il confronto con gli enti locali sull’accorpamento delle Came­re di Commercio di Taranto e Brindisi che si è tenuto ieri in modalità conference call – si legge in una nota del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci – La Zes ionica con la Basilicata, il porto brindisino con l’Autorità Portuale di Bari, la nostra Ca­mera di Commercio accorpata con Brindisi, siamo di fronte ad un pasticcio, una inspiegabile incoerenza di programmazione, che gli stessi funzionari mini­steriali denunciano non avere alcun fondamento economico, giuridico o organizzativo, nes­suna utilità per Taranto e nes­sun riguardo alla specificità del contesto ionico, che pure la nor­ma generale sembrerebbe ga­rantire. Razionalizzare il lavoro degli enti territoriali, sempli­ficare la burocrazia, dare voce alle imprese locali e contrastare la crisi della monocultura side­rurgica, questi sono gli obiettivi che possiamo condividere con il Governo. Altre frettolose mano­vre, lo ripeto, saranno un pastic­cio amministrativo, l’ennesimo indebolimento per Taranto. Agli annunci – ha concluso il primo cittadino del capoluogo jonico – che ascoltiamo ogni giorno per il nostro riscatto devono seguire ben altri fatti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche