21 Giugno 2021 - Ultimo aggiornamento il: 21 Giugno 2021 alle 19:30:12

Coach Davide Olive (foto Aurelio Castellaneta)
Coach Davide Olive (foto Aurelio Castellaneta)

Sarà contro la Ma­stria Sport Academy Catanzaro al Palafiom l’inizio del campio­nato di serie B Old Wild West del CJ Basket Taranto domenica 15 novembre alle ore 18. La Lega Nazionale Pallacanestro ha reso nota la prima giornata del prossi­mo torneo cadetto; oggi, venerdì 11 settembre, sarà reso noto l’in­tero calendario.

Catanzaro sarà dunque il pri­mo avversario dei rossoblu nel loro ritorno sui parquet di serie B. Un destino che lega cussini e calabresi che si incontreranno poco meno di un mese prima, il 18 ottobre, ma a Catanzaro sta­volta, per la seconda giornata del girone O di Supercoppa che darà il via alla stagione. Coach Olive commenta così questo accop­piamento in vista dell’esordio in campionato ovviamente ancora lontano: “Particolare emozione innanzitutto vedere formarsi la prima giornata che ci dà un senso di ritorno alla normalità dopo la brusca interruzione della scorsa stagione. Cominciamo in casa e dovremo subito far valere il fat­tore campo contro una Mastria Catanzaro neopromossa che però sta programmando bene, ha confermato coach Formato che ha fatto molto bene e ha un roster di livello con riferimenti il play Cusso, la guardia Smorto e il lungo Tommasello. Squadra da affrontare con le motivazioni giuste per iniziare al meglio”. Il tecnico si è poi soffermato sull’inizio di preparazione a 10 giorni dal raduno della squadra: “Abbiamo ripreso, di fatto, dopo 6 mesi di stop forzato ma i gio­catori sono stati professionali in tutto questo lungo periodo di non agonismo e si sono presentati in condizioni fisiche accettabili”. Sul roster: “La società e lo staff tecnico ha investito su questi gio­catori, l’obiettivo era quello di avere giocatori giovani, atletici e abituati a giocare a giocare a un certo livello. Abbiamo formato un buon gruppo, sarà il campo a darci responso”. Sul campionato che verrà coach Olive prova a sbilanciarsi: “Rieti ha un roster, direi, una spanna sopra tutti. Poi c’è un gruppetto di 4-5 squadre in cui ci siamo noi insieme a Nar­dò, Salerno, Matera. Supercoppa? Sarà un buon banco di prova, non stiamo facendo la preparazione per questa competizione ma è un torneo che stimola a prescindere e lo affronteremo seriamente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche