25 Ottobre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 25 Ottobre 2020 alle 07:30:39

La presen­tazione della prima e seconda regata regionale di canottaggio
La presen­tazione della prima e seconda regata regionale di canottaggio

Si è tenuta ieri mattina, presso la sala degli specchi di Palazzo di città, la conferenza stampa di presen­tazione della prima e seconda regata regionale di canottaggio prevista nei giorni 3 e 4 ottobre prossimi (manifestazioni agoni­stiche valide per le classifiche nazionali della Federazione Ita­liana Canottaggio). “I numeri delle presenze sono davvero ec­cezionali” spiega Nicola Man­cini, Responsabile del Comitato Organizzatore Locale Taranto Canoa.

“Tutta la Puglia sarà presente con circa 400 equipaggi che, nella due giorni di gare, si da­ranno battaglia nello specchio d’acqua del primo seno del mar piccolo con accesso e logistica dalla banchina Torpedinieri su gentile concessione della Mari­na Militare”.

13 le società partecipanti: 2 dal­la regione Toscana (Accademia Livorno e D’Aloja), 1 dalla re­gione Campania (Italia Crv), 10 dalla regione Puglia (Lni Bar­letta, Taranto Canoa, Brindisi Rowing, Rowing Club Taranto, Cus Bari, Palio di Taranto, Cir­colo Canottieri Barion, Pro Mo­nopoli, Lni Brindisi, Vvf Carri­no Brindisi) che disputeranno le regate nelle giornate di sabato a partire dalla ore 15 e domenica a partire dalle ore 9.

“Diverse le iniziative del Comi­tato organizzatore locale per questa due giorni di gara – pro­segue Mancini – abbiamo voluto raccogliere l’invito del Comune di Taranto e del Coni di portare a Taranto eventi importati an­che di carattere nazionale e di formare giovani alle diverse at­tività sportive in vista dei Gio­chi del Mediterraneo, pertanto abbiamo fortemente voluto que­sta due giorni di gare, abbiamo presentato una candidatura per il 2021 e abbiamo coinvolto nel­lo staff organizzativo un gruppo nutrito di giovani”.

“Anche in questa occasione l’Att supporta le iniziative di turismo sportivo, canale molto impor­tante per il turismo a Taranto e ne abbiamo la dimostrazione con i Giochi del Mediterraneo” commenta Irene Lamanna, pre­sidente Att. “Già da diversi anni siamo stati precursori del turi­smo filo sportivo e siamo feli­ci che il resto della città si sia finalmente aperto a questo tipo di canale turistico. Restiamo sempre al fianco degli sport del mare come abbiamo fatto sin dalla nostra nascita, nel 2003, con la vela, poi con la canoa e oggi anche con il canottaggio.

“Siete i primi ad aver accolto la proposta nell’incontro con le Federazione, con il Coni e Asset. In quella occasione vi stimolammo a coinvolgere i ragazzi e formarli dal punto di vita organizzativo, perché con i giochi del Mediterraneo 2026 avremo bisogno di aiuto e vor­remmo che arrivasse dai ragaz­zi di Taranto” spiega Fabiano Marti, vicesindaco del comune di Taranto.

“L’obiettivo è attirare su Taran­to maggiore attenzione e far in­namorare i tarantini e i giovani allo sport soprattutto a quelli del mare. Dobbiamo investire ancora di più sul mare. Dobbia­mo portare a Taranto quanti più eventi importanti per testare la nostra macchina organizzativa. Facciamo squadra uniamoci e lavoriamo tutti insieme e spe­riamo sia l’inizio di un percorso lungo e importante”.

Ovviamente ci sarà massima attenzione all’applicazione del­le misure di regolamentazione delle misure per il contrasto ed il contenimento della diffu­sione del Coronavirus con uno specifico protocollo condiviso ed approvato dalla Federazione Italiana Canottaggio, per questo motivo la manifestazione sarà chiusa al pubblico ma potrà es­sere seguita in diretta facebbok sulla pagina Fic Puglia.

Presenti alla conferenza stam­pa anche: Michelangelo Giusti (Coni Taranto), Nicola Sgobba (Pres. Fic Puglia e Basilicata), Matteo Dusconi (dir. Gen. As­sonautica Taranto) e i rappre­sentanti della Marina Militare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche