14 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 14 Maggio 2021 alle 08:15:36

News Provincia

Carosino, c’è attesa per la festa di S. Biagio

Festa di San Biagio a Carosino
Festa di San Biagio a Carosino

CAROSINO- No a processioni, fiaccolate o momenti che possono rischiare di creare assembramenti di qualsiasi tipo.

Al tempo del Covid-19 si ragiona così anche in ambito religioso, come da “suggerimenti” emana­ti dagli stessi vescovi pugliesi in merito alle cerimonie sacre in genere e in particolare sulle feste patronali.

I prossimi festeggiamenti in ono­re di San Biagio che si terranno a Carosino dall’8 all’11 ottobre prossimi, avranno quindi poco della solita solennità e subiranno pertanto tali restrizioni. Tuttavia se è vero com’è vero che la reli­giosità in generale e la venerazio­ne per il patrono in particolare, non si esauriscono solamente con la magnificenza folkloristica e de­vozionale di tali ricorrenze, è pur sempre vero che l’esteriorità esige comunque anche in questi tempi, una certa chiamiamola “espressi­vità emozionale”.

Pertanto pur priva di siffatti or­pelli che di solito hanno sempre animato tali celebrazioni a Caro­sino, anche questa volta parroc­chia locale e omonimo comitato festa, si sono visti affiancate da Comune e associazioni varie, per il regolare svolgimento dell’inten­so programma predisposto. La maggior parte delle prossime giornate che celebreranno il san­to patrono di Carosino, saran­no scandite principalmente da funzioni religiose tenute, tempo permettendo, fuori dalla Chie­sa Madre cioè nell’annesso atrio parrocchiale il quale, essendo all’aperto, garantisce il necessario distanziamento tra i fedeli parte­cipanti.

Tutto avrà inizio, come da pro­gramma, giovedì 8 ottobre con l’inaugurazione del triduo di pre­ghiera in onore di San Biagio e la Santa Messa delle 18.30, celebra­ta dal Vicario Generale dell’arci­diocesi di Taranto, mons. Ales­sandro Greco.

A seguire l’inaugurazione del nuovo Anno Pastorale intitolato “Commossi dall’Amore di Cri­sto”, che concluderà questa prima serata.

Venerdì 9, invece, sempre alle 18.30 Santa Messa officiata da don Cosimo Rodia parroco di San Marzano di S.G., il quale interver­rà anche sul momento del triduo intitolato “Il Martirio”.

Per sabato 10 ottobre, vigilia della festa, alle 18.30 avverrà l’esposi­zione della statua lignea di San Biagio conservata a Carosino e utilizzata questa volta al posto di quella in cartapesta, usualmente esposte ai fedeli e portata in pro­cessione.

Dopo il momento dedicato alle cerimonie di affidamento e con­segna simbolica delle chiavi della città di Carosino al santo patrono, si procederà con la celebrazione dell’Eucaristia.

La Santa Messa sarà affidata a don Davide Errico ( padre spiri­tuale del pontificio seminario re­gionale Pio XI di Molfetta), chia­mato anche a illustrare un altro tempo del triduo intitolato: “La Santità”.

Di domenica 11 ottobre infine, culmine dei festeggiamenti patro­nali per San Biagio, segnaliamo la Messa delle ore 10.00 dedicata ai ragazzi e scolaretti, in cui sarà effettuata la classica benedizioni degli zaini.

Inoltre quella delle ore 11.30, ce­lebrata nella Chiesa Madre dal parroco don Filippo Urso, vedrà la particolarità della presenza delle autorità civili e religiose non solo di Carosino ma anche della citta­dina di Maratea (PZ), con la quale Carosino è gemellata nel nome del comune patrono San Biagio.

Al temine del rito religioso, dal portone aperto della stessa chiesa, è annunciata l’uscita della statua lignea del patrono San Biagio e la benedizione alla comunità con le sacre reliquie del santo le quali, dopo la Messa Vespertina della sera, saranno esposte per la vene­razione dei fedeli.

Un pizzico di parte civile di que­sta particolare festa patronale ot­tembrina in onore di San Biagio, possiamo tuttavia rilevarla alme­no nella presenza delle luminarie, ad opera della ditta Giuseppe e Vincenzo Memmola di Francavil­la Fontana.

Nel ricordare che gli addobbi flo­reali della Chiesa Madre saran­no curati dal Comitato Festa San Biagio, rimane forte anche l’invi­to per cittadini in genere e i fedeli in particolare a vivere tutti questi momenti con atteggiamento intel­ligente e responsabile, consapevo­li della importanza di questa epi­demia pur sempre estremamente pericolosa e purtroppo presente.

Appuntamento, quindi, a partire dall’8 ottobre prossimo, con i fe­steggiamenti in onore di San Bia­gio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche