06 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 06 Maggio 2021 alle 15:58:04

News Provincia

Lega: «Piano regolatore a Crispiano, si comincia da capo»

Il Palazzo di Città di Crispiano
Il Palazzo di Città di Crispiano

CRISPIANO- “Piano regolatore” si co­mincia tutto da capo. Dopo centinaia di migliaia di euro spesi, dopo che si è arri­vati ad un passo dall’approvazione di un PUG che aveva acquisito diversi pareri e che era pronto per essere approvato ed inviato alla Regione quest’Amministra­zione cosa fa? Mette tutto da parte e rico­mincia da zero l’iter di approvazione del PUG”. Il comitato cittadino della Lega all’attacco.

“Ciò vuol dire altre centinaia di miglia di euro da spendere (in un situazione finan­ziaria complicata) e soprattutto la certez­za che neanche con questa Amministra­zione il nuovo PUG vedrà la luce, visti i tempi necessari per la sua elaborazione e l’acquisizione di tutti i relativi pareri- si legge in una nota del partito di Salvini- molto ci sarebbe da dire sulla scelta del tecnico che dovrà elaborare il PUG, sulla procedura a sui criteri che hanno portato alla sua scelta.

In un incontro di presentazione avvenu­to al Cinema Comunale il nostro Sinda­co, sempre più a suo agio nelle vesti di presentatore, ha elogiato il curriculum dell’arch. Gallo presentandola come una sorta di Luce in grado di illuminare le menti di noi ignari cittadini. In realtà non sembra abbia molta esperienza nell’ela­borazione di PUG, ma appare più esperta nel campo della green economy e ci ha fatto presente che dall’Europa si possono attingere fondi se si è bravi, ventilando la sua capacità in tal senso. Alcuni inter­venti hanno ironizzato sulle vagonate di euro che arriveranno a Crispiano.

Al di la delle solite frasi ad effetto del Sindaco è chiaro che ricominciando tutto da capo il rischio è che tra dieci anni stia­mo ancora a parlare del PUG a Crispiano. La nostra posizione è chiara.- prosegue il comitato cittadin della Lega – se dav­vero si vuole dotare il nostro Comune di questo importante strumento basta ri­prendere il PUG già elaborato, adeguarlo al PPTR, apportare eventuali modifiche che si ritengono importanti e procedere con la sua approvazione. Tra l’altro sul precedente si sono acquisiti diversi pa­reri”. Questa Amministrazione continua a mostrare tutta la sua inadeguatezza ad affrontare temi delicati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche