23 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 23 Novembre 2020 alle 17:16:06

La polizia davanti al Duomo di Taranto
La polizia davanti al Duomo di Taranto

Farnetica nel Duo­mo di San Cataldo e aggredisce gli agenti dela Polizia di Stato: arrestato in cittadino di origine irlandese.

I poliziotti della Squadra Volante hanno arrestato domenica scorsa Denis Gerard C., cittadino irlan­dese di quaramtotto anni.

Deve rispondere di resistenza e minaccia aggravata a pubblico uf­ficiale.

E’ domenica. All’interno del Duo­mo di Taranto, intitolato a San Cataldo, vi sono turisti e pellegri­ni, alcuni in raccoglimento di pre­ghiera in attesa della Santa Messa di mezzogiorno, altri visitano la Basilica ammirati dai luminosi decori dei marmi del noto “Cap­pellone di San Cataldo”.

La pace e l’atmosfera di spirituali­tà vengono bruscamente sconvolte da un uomo che inginocchiato da­vanti all’altare maggiore, con un crocifisso tra le mani, inizia ad urlare intimorendo i presenti. Tu­risti e pellegrini sono costretti ad uscire dal Duomo.

Il sacrestano del Duomo telefo­na immediatamante alla centrale operativa della Questura per se­gnalare l’inquietante presenza.

Nel giro di poco i poliziotti piom­bano sul posto.

Gli agenti rintracciano l’uomo che ha tratti somatici tipica­mente nord europei, il quale, nel frattempo, ha raggiunto l’altare superiore.

Il 48enne irlanese, accortosi della presenza degli uomini in divisa, comincia anche ad inveire ad alta voce nei loro confronti, minac­ciandoli.

Poi brandendo un crocifisso, in­calza con le sue farneticazioni de­liranti e sconnesse, fino a dare in ulteriore escandescenza spostan­do i banchi della chiesa.

Gli agenti si trovano di fronte ad una situazione da gestire con la massima professionalità e dopo aver tentato di condurlo alla cal­ma con metodi persuasivi, consi­derato il panico generato fra i po­chi presenti rimasti, riescono ad immobilizzarlo rendendolo così inoffensivo ed a portarlo all’ester­no della Basilica.

L’uomo, poi condotto in Questu­ra per le necessarie operazioni di identificazione, ha proseguito nel­la sua condotta violenta nei con­fronti dei poliziotti i quali hanno subito proceduto al suo arresto.

Da ulteriori accertamenti eseguiti dalle forze dell’ordine è emerso che già nello scorso settembre, il cittadino irlandese, durante una udienza papale in Piazza San Pie­tro aveva assunto nei confronti dei poliziotti, addetti al controllo, analoghi atteggiamenti violenti, rifiutandosi di farsi identificare.

Dopole formalità di rito, il 48enne è stato condotto presso la locale casa circondariale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche