23 Novembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 23 Novembre 2020 alle 17:16:06

Cronaca News

Ingegneri e Asl di Taranto insieme per l’app Immuni

La app Immuni
La app Immuni

Scaricare l’app Im­muni, utilizzarla al meglio e invita­re amici e familiari a fare lo stesso. L’Ordine degli Ingegneri e l’Asl della provincia Taranto chiamano a raccol­ta le scuole di secondo grado e avvia­no una campagna di informazione e sensibilizzazione sulla necessità di tracciare per prevenire il coronavirus.

Si comincia domani, giovedì 22 ot­tobre: l’appuntamento è alle ore 10 sul canale YouTube dell’Ordine de­gli Ingegneri. Saranno ospiti, e ov­viamente protagonisti, gli studenti e i docenti del Righi e del Battaglini. Si tratta della prima tappa di un per­corso informativo che il Consiglio dell’Ordine Ingegneri della provincia ionica e l’Asl ritengono necessario e urgente alla luce dell’evoluzione della pandemia.

L’Ordine degli Ingegneri da giorni sta approntando il programma di di­vulgazione on line in sinergia con il Dipartimento Prevenzione della Asl, con la collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale.

L’obiettivo è sensibilizzare gli studen­ti di età superiore ai 14 anni ed i loro insegnanti sull’importanza di una tempestiva ed efficiente ricostruzione dei contatti.

Verrà dunque descritto come l’app nazionale di contact tracing fornisce la soluzione al problema.

Primo workshop, come detto, giovedì 22 ottobre alle 10 in diretta sul canale YouTube dell’Ordine Ingegneri di Taranto, con la dottoressa Tatiana Batti­sta del Dipartimento Prevenzione Asl e l’ingegner Nicola Rochira, segreta­rio dell’Ordine.

Le Asl sono obbligate a inserire i co­dici relativi al sistema di tracciamen­to dei contatti della app Immuni in caso di positività. E’ quanto prevede una nuova disposizione introdotta dal dpcm con le norme anti contagio da Covid.

“Al fine di rendere più efficace il contact tracing attraverso l’utilizzo dell’App Immuni, è fatto obbligo all’operatore sanitario del Diparti­mento di prevenzione della azienda sanitaria locale, accedendo al sistema centrale di Immuni, di caricare il co­dice chiave in presenza di un caso di positività”, si legge nel testo.

«Abbiamo già superato i 9.100.000 download e, da ieri, #Immuni è an­che la prima app di tracciamento dei contagi ad essere interoperabile a li­vello europeo, al momento insieme a quelle di Germania e Irlanda. Il Covid-19 non conosce confini, ma con Immuni abbiamo uno strumento in più per contrastare la sua diffusione». Con questo post su Facebook l’App Immuni festeggia un nuovo record di download proprio nel momento di impegno massimo da parte del Go­verno per sensibilizzare le persone all’uso della tecnologia sul tema del tracciamento. Su Facebook, la mini­stra dell’Innovazione Paola Pisano aveva annunciato un’importante no­vità per Immuni, che da oggi diventa interoperabile con le applicazioni di notifica di esposizione al rischio di contagio da Covid-19 adottate dagli altri Paesi europei. “Questo significa che Immuni e le altre app degli Stati dell’Unione che utilizzano analoga tecnologia possono scambiarsi i codi­ci alfanumerici degli utenti e avvisar­li se sono stati a stretto contatto con una persona positiva al Covid-19, nel proprio Paese o in un altro Paese eu­ropeo”, ha spiegato Pisano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche