07 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 06 Maggio 2021 alle 15:58:04

Cronaca News

Maltrattamenti ai danni delle ex compagna. I “Falchi” lo hanno preso a casa della donna

Foto di La droga sequestrata
La droga sequestrata

Preso un 47enne tarantino, destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa il 3 ottobre dal gip del Tribunale di Taranto, per maltrattamenti e stalking nei confronti della sua ex compagna. Per la sua condotta violenta, minacciosa ed offensiva ai danni della convivente, con la quale aveva iniziato una relazione dall’estate del 2017, l’uomo era stato già raggiunto da un ammonimento del Questore a starle lontano.

Successivamente, però, la stessa donna si era lasciata convincere da un apparente ravvedimento del compagno permettendogli di rientrare nella sua vita. Minacce ed offes, si sono ri presentate e sono diventate ancora più violente e distruttive per la vita della donna. I “Falchi” della Squadra Mobile, che ben conoscevano l’uomo per i suoi precedenti penali e per le abituali frequentazioni, si sono attivati per rintracciarlo, monitorando i luoghi da lui solitamente frequentati, certi che avrebbe ritentato di riallacciare un’altra volta, nonostante tutto, la relazione con l’ex compagna. La supposizione ha convinto gli investigatori a seguire anche i movimenti della donna, ritenendo potesse svolgere un ruolo “chiave” per il rintraccio del ricercato . Dopo qualche giorno di paziente attesa, i poliziotti si sono appo stati su un terrazzo prospiciente la casa della donna e, al suo rientro, verso tarda sera, hanno notato il suo ex compagno nascosto nel vano scale in prossimità dell’abitazione. Convinti di aver finalmente raggiunto l’obiettivo, gli agenti hanno prima circoscritto la zona e l’edificio e poi si sono presentati, tempestivamente, alla porta dell’abitazione della donna che, nel frattempo, si era vista costretta a far entrare il suo ex.

Dall’interno dell’abitazione si udiva chiaramente un’accesa e concitata discussione e questo ha indotto i poliziotti, senza perdere altro tempo, a farsi aprire la porta. Il 47enne si era nascosto dietro la porta del bagno. Nelle ore precedenti sempre gli agenti della sezione “Falchi” della Squadra Mobile avevano fermato un 18enne che spacciava hashish nel rione Tamburi. Gli agenti della Questura avevano recuperato 900 grammi di hashish. I poliziotti avevano notato il ragazzo, che già annoverava piccoli precedenti penali il quale, da qualche giorno, in maniera inusuale, si incontrava con suoi coetanei già peraltro conosciuti a loro volta quali abituali consumatori di hashish. Era scattata così un’attività di pedinamento attraverso la quale gli agenti avevano accertato che il giovane, con assidua frequenza faceva la spola tra il suo appartamento situato in via Mar Piccolo e le strade limitrofe, dove incontrava altri ragazzi, ai quali presumibilmente cedeva il “fumo”. Era stata perquisita la sua abitazione e in cucina, all’interno di un fornetto a microonde erano stati rinvenuti un panetto ed alcune altre piccole stecche di hashish del peso di circa 100 grammi, un bilancino elettronico e 320 euro. Sul tramezzo della cucina, erano stati rinhvenuti altri 8 panetti di hashish per un peso di circa 800 grammi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche