14 Maggio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 13 Maggio 2021 alle 18:30:05

Cronaca News

Taranto ricorda i defunti: «La nostra comunità deve mettere al centro il ‘noi’»

foto di La commemorazione presso il cimitero San Brunone
La commemorazione dei Defunti presso il cimitero San Brunone

Tradizionale commemorazione ieri mattina di tutti i defunti della nostra comunità e dei caduti di tutte le guerre presso il cimitero comunale di San Brunone, alla presenza tra gli altri dell’Arcivescovo Filippo Santoro, del Prefetto Demetrio Martino e del Sindaco Rinaldo Melucci.

«Devo riprendere e rafforzare le parole lucide del nostro Arcivescovo, in questo giorno così sentito, in un anno così particolare – ha dichiarato il primo cittadino ionico a margine della celebrazione eucaristica -, è il momento della responsabilità di tutti, ed è anche il momento in cui la nostra comunità è chiamata a compiere un salto di qualità, a mettere al centro del proprio linguaggio, dei propri pensieri e delle proprie azioni il noi, e non più l’io. Solo insieme possiamo farcela, uscirne migliori, onorare la memoria di quanti hanno già perso la vita per questa pandemia, nonché sostenere gli sforzi di tutti quelli che si stanno occupando di preservare la nostra salute e la nostra vita economica». Primo bilancio delle attività di controllo svolte dalla Polizia Locale, con la collaborazione delle associazioni di Protezione Civile, nei pressi dei cimiteri cittadini. Le due strutture, site nei quartieri Tamburi (San Brunone) e Talsano (Santa Maria Porta del Cielo), sono state raggiunte come previsto da numerosi cittadini che hanno comunque rispettato tutte le prescrizioni previste dall’ordinanza dirigenziale emanata nei giorni scorsi.

Per entrambi i cimiteri sono stati previsti tre varchi di accesso, presidiati dagli operatori di Polizia Locale e Protezione Civile che stanno indicando a ogni cittadino come comportarsi: indossare sempre la mascherina, sanificare le mani, mantenere il distanziamento sociale e non sostare per più di un’ora all’interno. Gli ingressi sono stati contingentati: contemporaneamente all’interno dei cimiteri di Tamburi e Talsano, non è possibile sostare rispettivamente più di 1200 e 600 persone. Per regolamentare l’afflusso, gli operatori fissi agli ingressi hanno consegnato un tagliando numerato a ogni cittadino che deve essere restituito all’uscita. Nelle ore di punta, per evitare la formazione di file all’esterno, i motociclisti della Polizia Locale hanno effettuato delle ricognizioni all’interno dei cimiteri per agevolare e velocizzare le operazioni di uscita. Il personale in divisa, in ogni caso, ha presideiato le strutture anche a piedi, mantenendosi in costante contatto radio con i colleghi all’esterno per compensare i flussi in ingresso e in uscita. Un importante lavoro di controllo anche nelle aree circostanti i due cimiteri, soprattutto San Brunone, per contrastare il fenomeno dei parcheggiatori abusivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche