27 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 27 Ottobre 2021 alle 14:57:00

Cronaca News

Operazione Igea: così si rafforza il drive through di via Ancona

foto di Coronavirus, il drive through di via Ancona
Coronavirus, il drive through di via Ancona

Da oggi, presso la tenda drive through allestita in Via Ancona a Taranto, gli operatori del Dipartimento di Prevenzione della Asl ionica saranno affiancati da personale medico e infermieristico della Difesa. È il frutto dell’operazione Igea, un accordo tra il Ministero della Difesa e quello della Salute, che sancisce una stretta collaborazione per fronteggiare l’epidemia in corso. Il punto drive through, allestito e gestito dal Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Locale di Taranto dallo scorso 25 settembre, è stato predisposto per l’esecuzione dei tamponi naso-faringei direttamente in auto.

“Nella postazione allestita dalla Asl nei mesi scorsi – afferma il dott. Roberto Rizzi, Coordinatore Tecnico della Prevenzione – sono convocati per sottoporsi a tampone i soggetti individuati nell’attività di contact tracing, i quali potrebbero aver contratto il Covid-19 perché “contatti stretti” di casi positivi accertati. Si tratta per lo più di soggetti asintomatici oppure sintomatici che sono nelle condizioni di spostarsi dalla propria abitazione. Attraverso un sistema di prenotazione – continua Rizzi – il Dipartimento di Prevenzione convoca, tramite telefono o mail, i soggetti interessati che, rigorosamente in auto e muniti di mascherina, attraversano un percorso guidato che prevede il riconoscimento con documento di identità, l’effettuazione del tampone e il rilascio di un codice che permette, dopo circa 48 ore, di verificare l’esito on line.

I tamponi raccolti vengono processati presso il laboratorio del presidio “Ss Annunziata” oppure presso quello di Bari e gli esiti comunicati via mail agli interessati”. Nella struttura sita all’interno del Distretto Unico di Taranto, in Via Ancona, vengono effettuati circa 250 tamponi al giorno, così come in quella di Massafra. Nel drive through allestito a Manduria, invece, la quota giornaliera di tamponi è di circa 100 unità. “Per quanto riguarda i soggetti positivi e sintomatici con impossibilità di spostarsi – continua Rizzi – sono operative delle squadre di infermieri del Dipartimento di Prevenzione che effettuano i tamponi domiciliari”.

I tamponi eseguiti in drive through rappresentano un risparmio notevole sui tempi e sull’uso di dispositivi di protezione individuale da parte dei sanitari e consentono di gestire in maniera più efficiente il lavoro di verifica e circoscrizione del contagio. Obiettivo, questo, anche del Ministero della Difesa che, con l’operazione Igea, ha messo a disposizione dei cittadini il proprio personale su tutto il territorio nazionale per incrementare la capacità giornaliera del Paese di effettuare tamponi. “Per tentare di circoscrivere l’emergenza attuale – afferma il Capitano di Vascello Salvatore Mendicini – il Comando Operativo Interforze, a capo dell’operazione Igea, sta mettendo in atto uno sforzo notevole, impegnando circa 1400 unità, distribuite in 200 team. L’obiettivo è quello di realizzare circa 30 mila tamponi al giorno a livello nazionale, che corrispondono a circa 100-150 tamponi per ogni Drive-through-Difesa, per contribuire alla diagnostica molecolare delle Asl”. Inoltre, al fine di incrementare anche le capacità di analisi dei tamponi, entro la fine del mese verranno messi a disposizione 12 laboratori analisi della Difesa. “Ringrazio tutto il personale, sanitario e non, che si sta adoperando senza tregua per la riuscita di questa iniziativa – conclude Mendicini – Lo sforzo di tutti unisce il Paese”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche