17 Ottobre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 17 Ottobre 2021 alle 13:49:00

News Provincia di Taranto

«Meglio potenziare l’ospedale Moscati»

Ospedale Giannuzzi di Manduria
Ospedale Giannuzzi di Manduria

MANDURIA – “Occorre tenere alta l’attenzione sulla questione ospedale “Giannuzzi” in funzione Covid, con la conseguente chiusura del pronto soccorso (proprio perché Covid Hospital) e con il sostanziale azzeramento della postazione 118 di Manduria. Ciò in quanto, in caso di necessità ed urgenza sanitaria, lo ribadiamo, la popolazione manduriana e dei comuni viciniori dovrà attendere che arrivino i medici e infermieri del 118 che, poi, trasporteranno in ambulanza al pronto soccorso di Taranto (o Francavilla Fontana nella migliore delle ipotesi), con buona pace di tempi rapidi per raggiungere un pronto soccorso in caso di urgenze. Dio non voglia che qualcuno di noi concittadini ci lasci le penne”. L’allarme viene lanciato dai consiglieri comunali del Gruppo Progressisti Manduria, Domenico Sammarco, Loredana Ingrosso e Gregorio Gentile.

“Non si è “contro” tanto per partito preso ma perché sono state attuate decisioni scellerate sulla salute pubblica- affermano in una nota stampa i tre consiglieri- e mentre in altre città (si veda il caso di Copertino e Gallipoli ad esempio) maggioranza e opposizione sono uniti contro scelte delle relative Asl che danneggiano la comunità, qui l’amministrazione e parte della minoranza di centro destra è caduta in un assordante silenzio. Ed occorre fare anche alcune considerazioni anche sulle conseguenze pratiche della chiusura di reparti del Giannuzzi. Anzitutto ci sembra sbagliata e fallimentare la scelta di optare ora su ospedali promiscui, invece che potenziare il Moscati. Ed infatti, durante la prima ondata di contagi siamo stati oggetto di encomio nazionali e internazionali per la capacità di aver attivato un ospedale intero (il Moscati per l’appunto) per i Covid, centralizzando non solo posti letto, ma strumenti, competenze e formazione del personale. Ora perché tornare indietro? Inoltre la scelta di far divenire l’Ospedale di Manduria “full Covid” progressivamente, mantenendo “puliti” i reparti di Dialisi e Nefrologia perché ci sarebbe la garanzia di una rigida separazione tra i reparti stessa è, a dir poco, una bugia.

Il Giannuzzi è allocato in edificio vetusto, originariamente progettato per ben altre finalità, nei decenni ampliato per giustapposizione piuttosto che per reale ristrutturazione organica e funzionale. Il risultato finale attuale è uno stabilimento ospedaliero “gruviera” dove le zone di comunione e i servizi condivisi fra futuri reparti covid e non covid fanno nutrire seri dubbi sui rischi di contaminazione. Occorre anche fare una notazione sull’assenza di cure domiciliari ai malati di Covid: come succede anche per altre patologie, non tutti i malati per quanto sintomatici necessitano di ricovero.- proseguoni i tre consiglieri comiunali- aumentare e corroborare le cure domiciliari Covid consentirebbe di decongestionare i pronto soccorsi covid e probabilmente eviterebbe anche l’occupazione di qualche posto letto. Si parla di ospedale, ma c’è il silenzio più assordante sul territorio come luogo di cura per il Covid. Infine, a nostro modesto avviso, bisogna porsi il problema degli ambulatori che vengono spostati su altri ospedali spoke, come per es. l’ambulatorio di Oncologia che serve tutti i malati oncologici del versante orientale.

Il peso dell’organizzare lo “spostamento” graverà tutto sui care giver? Quali saranno le iniziative messe in campo dall’amministrazione sanitaria dal punto di vista socio-sanitario (per es. iniziative di trasporto sociale) per evitare un sacrificio proprio da coloro che già combattono una difficile battaglia.Ecco i tanti motivi per cui si ritiene fortemente errata la scelta fatta dall’Asl di Taranto di convertire interamente Covid Hospital il Giannuzzi, ancor più quando poi emerge la volontà del direttore generale dell’Asl di Taranto Rossi che l’ospedale tarantino del “Moscati” non sia centro Covid. E fa ancor più male che il sindaco Pecoraro, anche nella conferenza dei sindaci ionici in seno ad Asl, allargata ai neo eletti consiglieri regionali del territorio e alla task force regionale per la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, abbia accettato la realizzazione del Giannuzzi quale Covid Hospital, con chiusura dei reparti e inoperatività del pronto soccorso ai casi non covid”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche