23 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 23 Settembre 2021 alle 21:06:00

Attualità News

La Torre dell’orologio di piazza Fontana, com’era e com’è oggi

Una veduta aerea di Taranto
Una veduta aerea di Taranto

La Torre dell’Orologio era ubicata nella Piazza Maggiore oggi Piazza Fontana. L’attuale torre dell’orologio è un rimaneggiamento di un precedente edificio databile intorno alla metà del 700 che però era privo del corpo di fabbrica poligonale anteriore e del torrino campanario che sono stati aggiunti il primo nel 1799 e il secondo agli inizi dell’800. La torre dell’orologio, unica testimonianza tra gli edifici significativi che adornavano la piazza, sfuggita alle demolizioni, era collocata sul lato est della Piazza Maggiore ed era delimitata da un lato dalla strada della Marina dall’altro da Largo San Nicola.

La datazione della torre dell’orologio possiamo ricavarla dalla data di fusione incisa su una delle due campane, la più piccola, che reca la scritta “Sancta Maria ora pro nobis. A.D. 1756” mentre la seconda campana, quella più grande reca una diversa data di fusione avvenuta per volontà del Sindaco Cataldo Carducci, il 1818. L’orologio, secondo lo storico Vittorio Farella, potrebbe essere coevo alla campana più piccola poiché tra il 1761 e il 1762 si ha notizia di una sua riparazione ad opera del reverendo don Vito Tommasini, esperto orologiaio, per questo nominato nel 1762, su proposta del Sindaco Michele De Cantore “orologiaio provvisionato”. L’attuale orologio è stato costruito a Napoli verso la fine dell’800 dalla ditta Caccialupi e Bernard. Al piano terreno, nei locali del corpo centrale, allora come adesso, era sistemato l’Ufficio dei Vigili Urbani di guardia alla piazza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche