02 Dicembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 02 Dicembre 2020 alle 19:14:04

dfoto di Monteiasi, conclusi i lavori alla scuola Pascoli
Monteiasi, conclusi i lavori alla scuola Pascoli

MONTEIASI – In piena emergenza pandemia, che sta attanagliando in queste ore la provincia di Taranto, si riesce tuttavia a vedere concretizzate anche delle cose belle. E’ accaduto a Monteiasi dove, grazie ai 28.000 euro frutto della partecipazione del Comune a un bando statale, si sono conclusi dopo un mese esatto e proprio in questi giorni i lavori di edilizia leggera scolastica.

Oggetto dell’intervento di riadattamento è stato il plesso “G. Pascoli” che ospita la Scuola Primaria, interessato dalle attività lavorative sin dagli inizi di ottobre scorso. La manutenzione edile effettuata, ha consentito il ripristino della funzionalità originaria dell’intero stabile, attraverso diversi interventi di adeguamento e adattamento funzionale degli spazi e delle aule didattiche in conseguenza dell’emergenza sanitaria da Covid-19. La scelta lo ricordiamo è ricaduta su tale istituto, in quanto questa soluzione edilizia era considerata tra le più urgenti e pertinenti per le esigenze della comunità scolastica monteiasina rispetto, ad esempio, all’acquisto di arredi convenzionali, sempre contemplati dal bando in questione.

E’ stata un’azione tenacemente voluta dal Comune di Monteiasi che si è visto impegnato, soprattutto nella persona di Immacolata Semidai insieme a tutto lo staff dell’Ufficio Tecnico, a presentare con successo la candidatura della propria comunità all’Avviso Pubblico. Il progetto cui hanno dato molta spinta l’assessore alla Pubblica Istruzione Maristella Sibillio con l’omologo ai Lavori Pubblici Salvatore Ladogana, ha riscosso subito il consenso di tutta l’Amministrazione comunale e della locale cittadinanza. Ci sono stati prima dell’inizio lavori frequenti contatti tra il sindaco Cosimo Ciura e il dirigente scolastico Vincenzo Tavella, a seguito dei quali è scaturita l’ipotesi risolutiva di spostare temporaneamente le classi presenti su tutto il primo piano dell’edificio. La progettazione e la direzione dei lavori è spettata al geometra Cosimo Curto ed ha previsto un triplice l’intervento, tra cui il più importante è stato sicuramente quello che ha interessato i servizi igienici posti nell’ala sinistra del primo piano.

Altra operazione ha riguardato l’abbattimento di un muro che separava due aulette contigue, troppo piccole per contenere una classe con i suoi venti alunni di media. Infine si è proceduto ad installare delle reti protettive alle nicchie poste nel sottotetto della palestra di pertinenza del plesso, che per anni sono state la dimora privilegiata di volatili. “La scelta – ha precisato l’assessore Sibillio – è stata sicuramente coraggiosa, vista la situazione che allora era ancora poco chiara sui risvolti della pandemia ma anche perché si presentava molto impegnativa e ricca di atti da svolgere, considerato che si era in prossimità dell’avvio del nuovo anno scolastico. Vi era necessità di adoperarsi – ha concluso Sibillio – per mettere in pratica il distanziamento sociale previsto dalla normativa anti-Covid e il rispetto di un protocollo che garantisse ad un tempo il diritto allo studio, la presenza degli alunni e la salute degli stessi nelle scuole”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche