02 Dicembre 2020 - Ultimo aggiornamento il: 02 Dicembre 2020 alle 19:14:04

News Provincia

Restrizioni anticovid, niente mercato settimanale a Martina Franca

foto di II mercato settimanale di Martina Franca
II mercato settimanale di Martina Franca

MARTINA FRANCA – Per contrastare la diffusione del Covid e limitare il contagio, anche la città di Martina Franca è corsa ai ripari con nuove restrizioni. Oggi il mercato settimanale di vendita di generi non alimentari non si svolgerà. È uno dei provvedimenti contenuti nell’ordinanza n. 56 del 15 novembre scorso, emanata dal sindaco di Martina Franca, Franco Ancona.

“Il mercato cittadino – si legge nel documento – si svolge su diverse strade e aree con accessi che non è possibile perimetrare e controllare e, non potendo essere contingentato, crea assembramenti di persone con conseguente mancato mantenimento della distanza interpersonale di almeno un metro”. Si svolgerà regolarmente, invece, il mercato ortofrutticolo, anche se appare evidente, data la curva dei contagi, che la sospensione del mercato non alimentare non sarà relativa solo alla giornata odierna, ma sarà sicuramente estesa e prorogata anche ai prossimi mercoledì.Oltre a tale sospensione, l’Ordinanza prevede che fino al 30 novembre rimangano chiuse e non fruibili ville e aree gioco, compresa l’area pic nic della Riserva Naturale Orientata del “Bosco delle Pianelle”, e il Cimitero comunale, fatte salve le operazioni urgenti e di tumulazione ed estumulazione con la presenza di un numero limitato di familiari.

Fino alla fine del mese, inoltre, sono vietati la permanenza e lo stazionamento di persone (ma sono consentiti il transito pedonale o veicolare) non motivati da ragioni di stretta necessità legate allo svolgimento o alla fruizione dei beni, dei servizi o delle attività consentite dalla normativa nazionale vigente: sul territorio nel Centro Storico (area ricompresa ambo i lati di via Paisiello, Via Mercadante, via Rossini, piazza Mario Pagano, via Donizetti, via Pergolesi, via Bellini, Via Mascagni, via Aprile, via Santoro, Corso Italia comprese le aree pubbliche ricadenti all’interno di detto perimetro) nonché in Piazza Crispi, Piazza Vittorio Veneto, Piazza Motolese, via Montegrappa, Piazza Marconi, Via e Vico II Trieste. Si precisa, inoltre, che in tali aree è consentito il passeggio.

Al momento non è stato previsto alcun provvedimento per le attività commerciali e professionali, come è avvenuto in altre località della provincia ionica. “Il numero dei contagiati nella nostra città rileva un notevole e progressivo aumento che non possiamo certamente ignorare – ha dichiarato il sindaco Ancona, giustificando l’introduzione delle nuove restrizioni – Urgono misure più restrittive per contenere il dilagare del contagio. Limitiamoci ora per tornare alla nostra vita di sempre nel più breve tempo possibile”. Riappropriarsi della propria vita e delle proprie abitudini è la speranza di tutti, anche a costo di qualche sacrificio, perché da mesi, purtroppo, abbiamo appreso che questo è l’unico modo possibile per arginare il contagio e vincere questa dura battaglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche