20 Aprile 2021 - Ultimo aggiornamento il: 20 Aprile 2021 alle 09:30:53

foto di il vicepresidente di Confindustria Vito Grassi (foto d’archivio)
Il vicepresidente di Confindustria Vito Grassi (foto d’archivio)

– Sono 16 le società con sede legale in Puglia (di cui una nel Lazio, ma operante nel brindisino) che si sono distinte per performance gestionali, affidabilità finanziaria e talvolta per sostenibilità. Queste imprese figurano tra le migliori 122 a livello nazionale scelte in 18 settori strategici, insignite dell’Alta onorificenza di bilancio del Premio Industria Felix – L’Italia che compete, un riconoscimento assegnato sulla base di criteri oggettivi, che tiene conto di un incontrovertibile algoritmo di competitività (valutato sulla base dei bilanci depositati), del Cerved Group Score (l’indicatore di affidabilità finanziaria di una delle più importanti agenzie di rating in Europa) e in alcuni casi del bilancio/report di sostenibilità o della Dichiarazione non finanziaria per le aziende che ne sono in possesso.

Le 16 società pugliesi premiate per le performance pre-Covid sono: per la provincia di Bari 8, Casillo Commodities spa e Apulia Distribuzione srl tra le 15 top del Commercio, F. Divella spa e Oropan spa tra le 10 top dell’Agroalimentare, Magna Pt spa tra le 15 top della Meccanica, Gruppo Turi spa tra le 10 top del Sistema Casa, Incentive Promomedia srl tra le 10 top per Comunicazione, Cultura, Informazione, Intrattenimento, Acquedotto Pugliese spa tra le 10 top di Energia & Utility; per la provincia di Taranto 4, Progeva srl tra le 20 top dell’Ambiente, Strumentimusicali. net srl tra le 10 top del Commercio online, Varvaglione Vigne e Vini srl (Varvaglione 1921) tra le 10 top del Vitivinicolo e Zanzar spa (In & Out spa) tra le 10 top delle Costruzioni; per la provincia di Lecce 3, Antica Azienda Vitivinicola Dei Conti Leone De Castris srl tra le 10 top del Vitivinicolo, Lasim spa tra le 10 top del settore Metalli e Leo Shoes srl tra le 10 top del settore Moda; per la provincia di Brindisi una, la Leo 3000 spa tra le 10 top per Comunicazione, Cultura, Informazione, Intrattenimento operante a Fasano (Zoo Safari) ma con sede legale nel Lazio. Le aziende sono state premiate durante la tre giorni di edizione nazionale digitale (a causa del Covid 19) che si conclude oggi.

L’evento, presentato dai giornalisti Angelo Mellone e Maria Soave, è organizzato dal trimestrale di economia e finanza supplemento con Il Sole 24 Ore, Industria Felix Magazine, diretto da Michele Montemurro, in collaborazione con Cerved, Università Luiss Guido Carli, Sustainable Development, A.C. Industria Felix, con il patrocinio di Confindustria e le media partnership di Ansa e Il Sole 24 Ore, con la partnership istituzionale in una giornata di Regione Puglia e Puglia Sviluppo. Industria Felix ha inoltre messo in rete le imprese virtuose premiate coinvolgendole in un’innovativa Fiera digitale con business matching in programma per tutto il mese di novembre, con la possibilità di visionare potenzialmente poco più di 6 milioni di profili aziendali nel più grande motore di ricerca online per le imprese italiane, Atoka+.

Tra gli ospiti della giornata d’apertura, il vicepresidente di Confindustria, l’ingegner Vito Grassi dichiara: «In fasi particolari di cambiamento e trasformazione, come quelle che stiamo vivendo, all’interno di un quadro economico disastroso e senza precedenti, visione e capacità di guidare l’innovazione diventano fattori decisivi. Oggi, e in misura maggiore per il futuro, le Pmi che vogliono restare sul mercato hanno la necessità di una vera e più forte cultura d’impresa, che si conferma essere l’unica vera speranza di progresso sociale. Lo dimostrano – sottolinea Grassi – le imprese su cui ha avuto il merito di accendere i riflettori Industria Felix: veri campioni di resilienza, che dovranno farsi carico di ridare fiducia anche a chi non ce l’ha fatta. Rappresentano il modello di impresa da cui bisognerà ripartire, senza se e senza ma». Secondo le previsioni di Cerved, sono due i settori che guideranno la ripresa nel 2021, con una crescita significativa dei ricavi rispetto al 2019: commercio online (+17,1%) e servizi innovativi (+3,2%).

Nonostante la ripresa prevista dopo l’arrivo del vaccino, i ricavi delle imprese italiane rimarranno nel 2021 circa 10 punti al di sotto rispetto ai livelli pre-Covid. I risultati saranno però fortemente differenziati, con pochi settori che riusciranno ad accrescere il fatturato nel biennio a causa della pandemia. L’accelerazione di alcune tendenze, come la maggiore digitalizzazione di molti servizi che segnerà il “new normal”, e l’emergere di nuovi paradigmi caratterizzeranno le economie avanzate dopo il Covid.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche