16 Settembre 2021 - Ultimo aggiornamento il: 16 Settembre 2021 alle 16:59:00

Cronaca News

Michele Emiliano: “Covid, la situazione si aggrava”

foto di Michele Emiliano
Michele Emiliano

La situazione dei contagi in Puglia si aggrava ogni giorno e si teme per la tenuta del sistema sanitario. Per questo il presidente Michele Emiliano è corso ai ripari con l’adozione di una delibera (n. 1756 del 18 novembre scorso) che stabilisce le nuove linee d’intervento per contrastare più efficacemente il diffondersi del Covid-19. Linee che stabiliscono tre diverse tipologie d’interventi, da quelli di “massima urgenza“ e ad altri da adottare entro 15 ed entro 30 giorni. La situazione epidemiologica in Puglia “si aggrava ogni giorno progressivamente, con impatto oramai senza precedenti sulla tenuta del sistema sanitario”: si legge nel provvedimento di Emiliano col quale sono stati stabiliti i nuovi “indirizzi per un’azione condivisa di contrasto alla pandemia”.

Fra questi, l’assunzione per tre anni di medici, infermieri e operatori socio-sanitari; l’accelerazione dell’approvvigionamento e distribuzione di attrezzature e il decongesionamento dei Pronto soccorso. “Sono stati individuati alcuni elementi di criticità che, nonostante le precedenti azioni poste in essere, si ritiene – si legge ancora nella delibera – debbano essere corrette in itinere, ravvisandosi l’improcrastinabile necessità di porvi rimedio con azioni mirate ad una più ampia rivisitazione dell’organizzazione del sistema sanitario”. L’altra criticità riguarda la gestione dei focolai. “All’aumento diffusivo del numero di casi di tracciamento corrisponde una difficoltà a gestire il volume dei focolai ed il riscontro ai soggetti sottoposti ai tamponi”. Emiliano individua, quindi, alcuni interventi da attivare in tempi diversi. Fra quelli di massima urgenza viene indicato quello di “porre l’intera rete per la gas one delle chiamate al 118 (Pronto Soccorso, pos le o, terapie intensive e sub-intensive) so o il controllo e la ges one di un coordinatore unico e valutare l’acquisto autoambulanze per il rafforzamento del sistema di trasporto”.

Mentre, per potenziare il sistema di tracciamento, è stato disposto, sempre con la massima urgenza, l’aumento di punti di prelievo dei tamponi con walkthrough – individuando l’area di riferimento nel distretto sanitario e squadre appositamente dedicate che rispondano ai dipartimenti di prevenzione (medici di protezione civile, volontari, militari), incrementando l’utilizzo dei test antigenici (portare le stazioni disponibili ad un numero ritenuto congruo per il raggiungimento dell’obiettivo), svolgere l’attività di formazione e rendere facilmente disponibili i materiali consumabili. Interventi tesi a finalizzare l’attività ad una riduzione dei tempi di risposta. Per potenziare gli organici delle strutture sanitarie, la delibera prevede di “assumere a tempo determinato per tre anni medici, infermieri, OSS, per il rafforzamento dell’organico sia nei setting ospedalieri, sia nei setting territoriali”; “accelerare e monitorare la determinazione degli approvvigionamenti e la distribuzione di attrezzature”; “sostenere azioni funzionali a decongestionare pronto soccorso ed al contenimento dei ricoveri ai casi strettamente necessari per elevata intensità delle cure nonché per il collegamento ospedale-territorio e per la gestione da remoto dei pazienti: attivazione della piattaforma HCasa per la gestione a domicilio dei pazienti e della Control Room in Telemedicina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche