26 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 26 Luglio 2021 alle 17:47:00

Cronaca News

Leonardo taglia la produzione, paura fra i lavoratori

foto di I lavoratori manifestano davanti allo stabilimento Leonardo di Grottaglie
I lavoratori davanti allo stabilimento Leonardo di Grottaglie

GROTTAGLIE – Preoccupa la situazione dello stabilimento Leonardo di Grottaglie. Il cospicuo ridimensionamento della produzione da parte dell’azienda ha indotto allo sciopero i dipendenti. E il loro grido di aiuto non è rimasto inascoltato. Sulla questione ha presentato un’interrogazione al sindaco Ciro D’Alò il Gruppo “Città Territorio” di Grottaglie.

“Il ridimensionamento dell’attività produttiva dello stabilimento Leonardo di Grottaglie, che ha visto passare la produzione passare da 14 a 6 fusoliere al mese, ha spinto le maestranze a presidiare l’ingresso della grande fabbrica, per garantirsi il futuro proprio, ma anche per dare speranza alla modernizzazione industriale e per dare sicu-rezza al lavoro, nei nostri territori locali, provinciali e regionali. E’ tempo che la politica e le istituzioni, insieme alla dirigenza di “Leonardo” e alle organizzazioni sindacali e imprenditoriali, prendano in carico la questione – scrivono in una nota Grottaglie Comunità, Italia Viva, Libera… mente, Moderati Civici, Riformisti per Grottaglie- per affrontarla una volta per tutte con la determinazione che la gravità della situazione richiede.

L’interrogazione consigliare sulla importantissima questione, rivolta al sindaco di Grottaglie in queste ultime ore, relativa all’assunzione di tutte le iniziative utili alla convocazione di un tavolo di confronto, non deve rimanere una voce isolata. Ma deve essere il grido di tutta la città di Grottaglie. Quella stessa Città, che continua a interrogare il sindaco anche sulla Sanità e sul Tributario urbanistico, purtroppo senza ottenere risposte. Noi – si conclude la nota – ci permettiamo di suggerire al sindaco di fiondarsi a Roma, perché abbiamo l’impressione che Bari non basti. Ogni ulteriore silenzio sarebbe colpevole! Ogni ulteriore ritardo sarebbe omissivo! Sul futuro di Leonardo interviene anche il segretario provinciale del Pd Giovanni Chianese.

“La Leonardo chiarisca cosa accadrà nell’immediato futuro ai lavoratori e lo faccia attraverso il confronto con le organizzazioni sindacali. Inammissibile – si legge nella nota – che le notizie circa il calo della produzione che interessa l’attività dello stabilimento grottagliese debbano arrivare dalla stampa. I sindacati rivendicano la giusta attenzione anche per conoscere quali progetti aggiuntivi l’azienda intende avviare per compensare l’attuale flessione di commesse”.

Chianese spera che una schiarita arrivi da un incontro in programma la prossima settimana. “In un contesto complicatissimo, in cui si cerca di risolvere la grande vertenza ex Ilva, è assolutamente indispensabile che si costruisca un sistema economico solido partendo appunto dal con-fronto e dal dialogo tra le aziende, le organizzazioni sindacali e le istituzioni direttamente interessate. Attendiamo con fiducia – conclude Chianese – la riunione che si terrà in modalità telematica il 2 dicembre. All’incontro, convocato dal Presidente della task force regionale per l’occupazione, Leo Caroli, prederà parte anche il governatore Emiliano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche