29 Luglio 2021 - Ultimo aggiornamento il: 29 Luglio 2021 alle 22:09:00

Cronaca News

Sequestrati hashish marijuana e soldi. Scatta un arresto

foto di La droga sequestrata
La droga sequestrata

I carabinieri hanno arrestato un 32enne per spaccio di droga. I militari dell’ Aliquota operativa della Compagnia di Castellaneta, durante un servizio finalizzato alla prevenzione e alla repressione dei reati inerenti le sostanze stupefacenti, hanno colto nella flagranza del reato di detenzione di droga ai fini di spaccio un trentaduenne residente a Massafra.

I carabinieri hanno sorpreso l’uomo mentre prelevava da una villa disabitata due scatole contenenti 380 grammi di hashish, suddivisi in tre panetti, 100 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e la somma di 675 euro in banconote di vario taglio. Anche i soldi sono stati sequestati in quanto ritenuti provento dell’attività illecita. Il trentaduenne massafrese, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso la casa circondariale di Taranto, così come disposto dall’autorità giudiziaria. La droga sequestrata verrà analizzata presso il LASS del Reparto operativo del Comando provinciale.

Nelle settimane scorse erano stati i carabinieri della Sezione operativa della Compagnia di Taranto, al termine di un’accurata attività di appostamento, ad arrestare, per droga, un cinquantaduenne già noto alle forze dell’ordine. Gli inmvestigatori dell’Arma avevano eseguito una perquisizione all’interno della sua abitazione in un palazzo del rione Italia. Nel corso della perquisizione domiciliare, grazie al fiuto del cane antidroga del Nucleo cinofili di Modugno, erano stati individuati due vani segreti ricavati uno all’interno di un mobile e l’altro all’interno di una parete, nascosto dal battiscopa, all’interno dei quali erano stati nasscosti 33 grammi di cocaina, un bilancino di precisione, due agende con cifre e quantitativi e 33mila euro, in banconote di vario taglio, denaro ritenuto provento dell’attività di spaccio. L’uomo, al termine delle formalità di rito, era stato arrestato e su disposizione dell’autorità giudiziaria sottoposto ai “domiciliari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche