29 Gennaio 2022 - Ultimo aggiornamento il: 28 Gennaio 2022 alle 22:49:00

Attualità

La solidarietà colora il Natale

Il magico e colorato taxi di Zia Caterina arriva a Tarano per regalare ai bambini meno fortunati due giorni di spensieratezza


Arriva a Taranto, con il suo coloratissimo e magico taxi “Milano 25” Zia Caterina, sabato 20 e domenica 21 dicembre al centro di una serie di iniziative a carettere solidale, legate alla sua opera benefica a favore dei bambini meno fortunati.

Per due giorni, dunque, la solidarietà colorerà il Natale tarantino e le vie della città. Conosciuto, oramai, in tutto il mondo, l’originale taxi abbellito da fatine, pupazzi e supereroi, accompagna i piccoli nei luoghi in cui si sottopongono alle cure cercando, soprattutto, di rendere il loro viaggio il meno doloroso possibile.

L’attività benefica legata ai bambini di “Milano 25” ha inizio ben quattro anni fa, in seguito ad un incontro casuale che zia Caterina ebbe con Costanza, una bimba all’epoca di soli tre anni che scelse di salire sul taxi insieme ai suoi genitori perché attratta dall’enorme fiore disegnato sul cruscotto della vettura.

Alla tassista Costanza raccontò la sua storia e il fatto di aver perso  un fratellino, “volato in cielo”. Fu così che Caterina Bellandi venne a sapere che la famiglia aveva perso un figlio a causa di un tumore celebrale e che, in seguito alla sua scomparsa, aveva dato vita ad una fondazione benefica per la cura, lo studio e l’assistenza sui tumori pediatrici.
L’incontro con Costanza ed i suoi genitori segnò talmente il suo futuro che, da quel giorno, iniziò ad effettuare corse gratuite da e per l’ospedale Meyer a favore dei familiari dei bambini malati di tumore. Il suo entusiasmo è stato tanto e tale da oltrepassare i confini nazionali: con il suo taxi ha fatto tappa ad Eurodisney, a Londra, in Albania e in Russia dove è stata invitata personalmente da Patch Adams, il medico inventore della clown terapia dal quale è stato tratto l’omonimo film con Robin Williams.

La storia di “Milano 25” inizia, però, molto tempo prima, con la morte di Stefano, il compagno di Caterina, avvenuta nell’agosto del 2001 per un tumore ai polmoni. Lui, in realtà, era il taxista, lei un ottima impiegata in un grande ufficio a Prato. Caterina ha mantenuto la promessa di prendere il suo posto su “Milano 25”: un atto di amore mosso da tanto dolore.

Da allora il vistoso taxi pieno di pupazzi e chitarrine, spicca nel traffico. Alla guida c’è sempre lei con il suo sorriso sincero, i suoi cappelli stravaganti, i vestiti dai colori vistosi e con topi bianchi sugli stivali.

Chi si siede sul sedile posteriore del suo taxi, si rende subito conto che la sua stravaganza e la sua personalità sono più efficaci di qualsiasi servizio sociale. A Taranto Caterina incontrerà tutti i medici, i pediatri, gli insegnanti, le associazioni di volontariato che lavorano con e per i bambini. Durante il dibattito si parlerà del dolore che diventa amore e dà speranza di vita attraverso un sorriso. Il 21 dicembre visiterà, invece, i bambini ricoverati al Ss. Annunziata per poi passare dalla Chiesa di San Domenico (Borgo antico) e salutare, infine, nel pomeriggio, in piazza Immacolata, i piccoli della città in una grande festa di colori, sorrisi e giocoleria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Ti potrebbero interessare anche